Piazza di Spagna

SONY DSC

PIAZZA DI SPAGNA
Piazza di Spagna a Roma, con la scalinata di Trinità dei Monti, è sicuramente uno dei monumenti più celebri della capitale e dell’intera penisola, quasi un simbolo dell’italianità stessa. La scalinata di Trinità dei Monti si rivela poi una meravigliosa passerella per le sfilate di moda che qui si svolgono frequentemente. Uno degli eventi più celebri in questo senso è Donna sotto le stelle, manifestazione di moda e di spettacolo che coinvolge stilisti di fama internazionale e personaggi famosi del cinema e della televisione.

IMG_7800

Piazza_di_Spagna_Desktop

R4

Alberobello in Puglia

Alberobello ( in dialetto Iarubedd ) è un Comune della collina murgiana della Regione Puglia in provincia di Bari, di circa 10.000 abitanti, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996; sorge nella Valle d’Itria e si trova in posizione equidistante tra il Mar Adriatico e il Mar Ionio. Sul colle orientale vi è la città nuova con caratteristiche architettoniche moderne, sull’altra sommità, disposta ad occidente, s’allineano i “Trulli” in un agglomerato urbano suddiviso in due Rioni: “Monti” e “Aia Piccola”, entrambi monumento nazionale.

click for full size
click for full size

I “Trulli” sono un esempio architettonico di valore universale, in quanto costituiscono una testimonianza unica, o quantomeno eccezionale, di una civiltà o una tradizione culturale scomparsa e offrono un esempio di un tipo di costruzione o di complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia umana.

click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size

Positano

positano1

Varie sono le leggende su Positano, diverse le sue possibili origini, da Poseidone, dio del mare secondo i greci, che l’avrebbe fondata per la sua amata, Pasitea, ai Fenici o i Picentini.

Passata dalle mani dei Romani a quelle della Repubblica di Amalfi, Positano attraversò un periodo fiorente per i numerosi traffici marittimi con tutti i paesi mediterranei.

In seguito, gli Angioini e gli Aragonesi portarono la cittadina ad un periodo di saccheggiamenti e incursioni di pirati, infatti le torri di guardia costruite per difendersi, sono ancora ben visibili nelle contrade di Fornillo, Trasita e Sponda.

Di qui, Positano attraversò periodo alti e bassi, ma i commerci marittimi continuavano e fu proprio tra il XVI e il XVII secolo che le navi positanesi iniziarono a commerciare con l’oriente spezie, sete e varie merci preziose.

Certo è che solo dal dopoguerra in poi la città ha avuto la sua ascesa… politici, artisti, letterati e scrittori venivano a Positano attratti dalle sue mille bellezze, dai panorami, dalle sue caratteristiche case e dalla vita rilassante e tranquilla vita che vi si svolgeva.

positano-italy

positano_cook

Positano-Italy hj

positano-italy n

Le Castella, Calabria

Le Castella (KR)

ISOLA CAPO RIZZUTO (Crotone). Le apparizioni di Ulisse, Enea e le sirene.
Aleggia anche intorno a Le Castella il mito, ma è la storia millenaria di gloria e sventure . L’origine de Le Castella si perde nel tempo cosi come è circondata dal mistero la presenza, attestata fino al Cinquecento, di tre o due isolette non lontane dalla terra ferma, in una delle quali, quella denominata Calipso o Ogigia, la dea omerica avrebbe trattenuto per lungo tempo l’eroe dei mari Ulisse.
Scrive a tale riguardo Plinio: “…..Promontorium Lacinium, cuius ante oram insula X milia passuum a terra Dioscoron, altera Calypsus, quam Ogigiam appellasse Homerus exstimatur” (Plinio, Historiae Mundi libri XXXVII). Ma la vera storia del luogo è quella legata al Castello, un edificio che è stato ed è ancora oggi il baricentro di tutte le vicende di questo meraviglioso pezzo di Calabria.
Anche l’origine del nome è tuttavia incerta. Sembra che Annibale, incalzato dagli eserciti romani è costretto a un repentino ritorno in patria, abbia fatto costruire, là dove ora sorge il possente monumento aragonese una sorta di accampamento (o una torre di vedetta) intorno alla quale sarebbe più tardi nato il borgo a opera di sbandati, mercanti, trafficanti vari che nell’antichità seguivano gli eserciti per vendere o battere le proprie cianfrusaglie. Il toponimo appare per la prima volta in un trattato stipulato nel 304 a.C. tra Roma e Taranto alla fine di stabilire i limiti di navigazione per le rispettive flotte.
I tarantini vi avrebbero quindi costruito una torre che più tardi dovette suggerire ad Annibale, che aveva tanti amici tra i Bruzi sempre insofferenti dell’egemonia romana, l’idea di utilizzarla rafforzandola e forse ampliandola, come posto di vedetta. Da qui l’appellativo Castra Hannibalis, riportato anche dal Barrio (De antiquate et situ Calabriae), assegnato per un certo periodo alla postazione. Dopo l’avventura annibalica, i Romani, cosi narra Titio Livio, per motivi strategici fecero sbarcare sul posto circa tremila coloni e chiamarono il luogo Castra. Ancora una volta motivi di difesa, di controllo marittimo segnavano il destino della contrada e cosi sarebbe stato per gli anni a venire.
Nei secoli IX- XI Le Castella fu occupata dagli Arabi che avevano creato un emirato nella vicina Squillace ed avevano quindi tutto l’interesse di controllare l’intero golfo. Cessata in parte la minaccia araba, Le Castella diventa piano piano un popoloso borgo sul quale vengono erette anche due chiese: quella di Santa Maria e l’altra di San Nicola dipendenti dall’Abazia di Santa Maria della Matina in San Marco. Si ha notizia poi che intorno al 1251 a Castella erano presenti pubblici ufficiali quali giudici e notai, segno evidente questo di un’attiva vita commerciale e sociale.
Ma la serenità e la laboriosità dei suoi abitanti vengono turbate in modo grave durante la feroce guerra tra Angioini ed Aragonesi che ebbe come corollario anche l’assedio e il conseguente saccheggio de Le Castella da parte dell’ammiraglio Ruggiero di Loria che militava per il re Giacomo d’Aragona (1290). Inutile fu la resistenza dei borghigiani rimasti fedeli a Pietro Ruffo conte di Catanzaro. Qualche anno dopo Le Castella assistette a un altro clamoroso scontro fra le truppe di Guglielmo Estendard, comandante delle truppe angioine in Calabria e lo stesso Ruggiero di Loria accorso precipitosamente da Messina per difendere i territori minacciati dall’Estendard.

“A Le Castella, dai bastioni della fortezza, che risale al XIII secolo, si può scorgere un punto, al largo sul mare, dove la tradizione vuole fosse anticamente situata l’isola di Calipso. Oggi, in quello stesso punto, nelle calde notti di agosto, appaiono le ombre di Ulisse, di Enea e di un gruppo di sirene. Le loro figure sono rese chiaramente visibili da un alone fosforescente che le circonda durante l’apparizione”.
(F. Feslikenian “I fantasmi esistono. Storie documentate di apparizioni”, 1970)

t5_crotone_isola_di_capo_rizzuto_le_castella_4e2ae31980d98_20110723_050457

calabria_nr51z.T0

le_castella_3

BPD479

le castella 3