Tag Archives: Architecture

Piano and Violin building, Huainan, China

This amazing house called Piano House was built in Huainan (Anhui Province, China) on the project students of Architecture Department Hefeyskogo University of Technology (Hefey University of Technology), developed in conjunction with the designers of Huainan Fangkai Decoration Project Co.
Piano House consists of two parts, representing the two instruments – violin, transparent, based on semi-transparent piano.
unique building was built for music lovers, but the music has nothing to do. In the violin is the escalator, and the piano – Fair Grounds, where the visitors are plans for streets and suburbs of the city.

burnblog-The-Piano-House-China1
click for full size

The object is created with the filing of the local authorities. Unusual building seeks to attract the attention of Chinese people and tourists to the new developing area, which is the most significant object. Due to the continuous glazing (clear and tinted glass), the premises of the complex are the maximum amount of natural light. And at night, the body of the object is hidden in the darkness, leaving only the visible contours of the silhouettes of the giant neon “tools”.
Despite its popularity, the building is often criticized as a kind of postmodern kitsch and a typical student project, which is much more outrageous than the art and functionality.

burnblog-huainan piano ..
click for full size

 

Assen’s Fortress, Bulgaria

 The Fortress is located 3 km from the town. The castle was built on a rocky peak inaccessibility to Asenitza River . The earliest finds from archaeological excavations date back to 5-4 c . The area has been inhabited by the Romans, Byzantines and Bulgarians.

burnblog-asenowa krepost
click for full size

 At the time of the Thracians the fort played an important role in defending the passage, connecting the territories of ancient Thrace to the Aegean . Byzantine Emperor Justinian did rise in that placein order to stop enemy incursions from the north. After numerous raids and battles , the fortress is still standing upright. Early Middle Eastern Rhodopes are within the first Bulgarian state and city walls protect its territories from foreign invaders . In the region  was a medieval town Stenimachos . In the 13th century , having expanded the territory of Bulgaria to three seas – White, Black and Adriatic Bulgarian Tsar Ivan Asen II strengthened the fortress. Large-scale construction is charted in Bulgarian at its entrance. Message carved on the rock causes the fortress and the nearby modern town to be called Assen’s  town.

The Outer wall has been well preserved. It has a height of 3 meters and a thickness of 2 m and it is clearly visible as it is  situated at the highest point with an inner citadel tower. In peacetime, it served as the residence of the governor , and during the war was used as a watchtower and a safe haven from the enemy.It  Can trace the outlines of reservoirs whose walls were lined with ceramic pieces .

burnblog-Asenova-krepost01
click for full size

 The biggest attraction of the fortress is the medieval Christian church ” Mary of Petrich . ” Nave domed church was built in the 13th century by the order of Tsar Ivan Asen II. The tower of the temple served both tower and watchtower . The church itself has two floors , the first floor , according to the original intent of the builders was scheduled for crypt . The actual church is on the second floor . It is built with specially quarried and cut freestone blocks. The facade is indented to blind arches. Interestingly natural stone iconostasis characteristic of medieval Bulgarian church prior art and popular during the Renaissance wooden iconostasis . Part of the interior decoration of the church , however, was destroyed . During the earthquake in 1928, its dome collapsed , leaving precious frescoes of the arbitrariness of the raw mountain climate. It was later restored , thanks to it today we have some great fragments of frescoes dating back to the 14th century. This is actually the second mural layer.The firts Was applied in the 13th century , during the construction of the temple.

burnblog-Asenova_krepost1
click for full size

 Since the beginning of the 90s of the 20th century the church functions as a church . It helds services associated most often with baptisms and weddings . The rest of the fortress and the church is open to visitors. The disposal guide introduces people to tumultuous past that is steeped in history span land. Assen’s fortress is visited by about 70 thousand tourists per year.

burnblog-asenowa krepost2
click for full size

Bruges, Belgium

The historic town of Bruges Belgium (Brugge) is a gorgeous Gothic city located near the Belgium coast.  In the 11th century, Bruges was one of the world’s largest cities.  Today, it is a popular tourist destination that features famous landmarks, tourist attractions and some great museums and art galleries.
Visitors to Brugge can enjoy bike rides along dykes, strolls through local parks and shopping throughout the town. Bruges is also acclaimed for its great chocolate and local beer.

There are excellent hotels, guest houses and B&Bs in central Bruges, near the Brussels Airport and close to the Ostende ferry terminal.
Bruges can be easily reached by train from Brussels, Paris or Amsterdam.  The Brussels airport is a short distance away, as is the ferry and “chunnel” to England.

Recently, Bruges has become widely known around the globe, thanks to the Hollywood movie “In Bruges” which stars actor Colin Farrell.

Bruges Belgium 11

Grote_Market_Brugge_Belgiu

bruges1

Bruges Belgium 6

Garden-Flower-Tree-Bruges-

Prague Czech Republic – interesting facts

Image

Image

The Czech Republic lies at the heart of Central Europe and at its center is the beautiful and historic city of Prague. With a population of some 1.3 million residents, the city lies on either side of the Vltava River in the middle of Bohemia that is one of the three historic Czech territories; the others being Moravia and Silesia. The city has seven “chapter divisions” or districts.

1. Interesting fact: Skoda, a local car manufacturer, is one of only four automobile trademarks that can claim a more than 100-year-old history. The company was founded by Mr. Emil Skoda. Skoda means “pity” in Czech.

2. Weird fact: The Old Kladbury Horse is considered a Living Work of Art and listed on UNESCO’s World Heritage List. It’s the only horse bred for ceremonial purposes at royal courts.

3. Random fact: Czech pucks do not leave black smudges. The exact formula of the Gufex pucks, manufactured in a Moravian village, is a secret.

4. Useless fact: The Czech Republic has the largest network of signposted footpaths in the world. As of 2002, more than 38,000 kilometers of paths have been signposted.

5. Fun fact: The first sugar cubes were made in the Czech town of Dacice in 1841.

6. Educational fact: The word “robot” is Czech. It first appeared in a drama written by Czech playwright and journalist Karel Capek called R. U. R. (Rossum’s Universal Robots). It was actually his artist brother Josef though who came up with the word.

7. Historical fact: Prague Castle, begun in the 9th century, is listed in the Guinness Book of World Records as the largest castle in the world.

8. Medical fact: Czech doctor Jan Jansky was the first to divide blood into four types in 1907.

9. Outer Space fact: Neil Armstrong played Czech composer Antonin Dvorak’s New World Symphony on the moon.

10. Religious fact: The Infant Jesus of Prague is one of the oldest and most revered images of Jesus. Credited with miracles and healing, people from all over the world have sent it dresses, which are on display at Church of Our Lady Victorious.

11. Natural fact: Pravcicka Brana is the highest natural arch in Europe. Located in northern Bohemia along the German border, it is 21 meters high with a span of 26.5 meters.

12. Sobering fact: In 1951, Dr. Jaroslav Skala created the first “sobering-up station” for those who’d enjoyed the pub a bit too much. It was to act as an introduction to his treatment facility for alcoholics. His treatment was based on routine, community order, work, sports and singing anti-alcohol songs.

Image

Kremlin in Moscow

Image

Although there is evidence of human habitation on the site of the Kremlin dating back to 500 BC, Moscow’s history really begins around 1147, when Yuri Dolgoruky, Grand Duke of Kiev, built a wooden fort at the point where the Neglina and Moskva Rivers converge. The city grew rapidly and, despite being razed by the Mongols in 1208, was soon powerful enough to attain primacy among the Russian principalities, acknowledged in 1326 when the seat of the Russian Orthodox Church moved there from Vladimir.

At the same time, stone buildings began to appear in the Kremlin and, by the end of the 14th Century, the citadel was fortified with stone walls. Under Ivan the Great (1462 – 1505), the Kremlin became the centre of a unified Russian state, and was extensively remodelled, as befitted its new status. Meanwhile, Moscow spread outside the walls of the citadel, and the Kremlin became a world apart, the base of the twin powers of state and religion. This period saw the construction of the magnificent Cathedrals of the Assumption, the Annunciation and the Archangel, and the uniquely Russian Terem Palace, the royal residence. The addition of the Ivan the Great Bell Tower completed Sobornaya Square, and added to the imposing effect of the Kremlin skyline.

Ivan’s descendents further developed and adapted the Kremlin complex and, even when Peter the Great moved the capital to St Petersburg, Russia’s rulers continued to leave their mark on the medieval town. Peter himself built the Kremlin Arsenal, originally planned as a military museum and now occupied by a barracks, and the 18th and 19th centuries brought Neoclassical masterpieces such as the Senate Building and the Great Kremlin Palace. After the 1917 Revolution, the Kremlin regained its rightful place as the seat of the Russian government, and the legacy of the Communist era is still visible in the large red stars that top many of the defensive towers, and in the vast, modern State Kremlin Palace, originally the Palace of Congresses.

Image

 

Dolceacqua

Dolceacqua, un borgo medievale ai piedi del Castello dei Doria…

Un ponte in pietra che si specchia in un’ansa del Nervia: l’immagine classica di Dolceacqua, il borgo ligure che, fra caruggi oscuri e cantine odorose, ci riporta ai secoli oscuri del dominio feudale, in un’intensa evocazione di suggestioni storiche.

Il castello, presenza arcigna e inquietante, protezione e dominio, domina con le sue severe torri quadrangolari buona parte della valle. I secoli ne hanno visto le successive distruzioni e ricostruzioni, nel vorticoso succedersi delle vicende del casato dei Doria.
Guelfi e Ghibellini, Doria e Grimaldi, Francesi e Spagnoli . Le pietre che vediamo oggi hanno resistito a decine di assedi e saccheggi, hanno visto periodi di prosperità e di decadenza ma non hanno resistito all’abbandono degli uomini.  I recenti Restuauri hanno reso accessibile la corte interna ed il cortile superiore.
Il ponte che incanto’ Claude Monet nel 1884, è un esile arco di pietra che per secoli rimase l’unico collegamento fra i due nuclei storici di Dolceacqua: la Terra, con il suo intrico di caruggi che portano al castello e il Borgo, al di qua del fiume, estensione urbana di tempi piu’ sereni.
Image

Image

dolce aqua

Cagliari

ImageCagliari custodisce gelosamente la storia e la memoria delle antiche civiltà che qui si sono succedute. Nel corso dei secoli i popoli che l’hanno abitata sono stati così numerosi e diversi da infonderle un carattere aperto e accogliente verso il visitatore. Tra le sue strade il ricordo delle diverse civiltà: Punica nei resti della Necropoli di Tuvixeddu, la Karales Romana come testimoniato dal grandiosio Anfiteatro, Bizantina con la Basilica di San Saturnino, Pisana con le alte Torri, fino ad arrivare alla Piemontese con il meraviglioso Palazzo Regio. Impronte e tracce millenarie si riscoprono tra le strette vie un tempo percorse solo da carri e carrozze. Bastano pochi passi e, tra antichi e nuovi palazzi, d’un tratto si scopre l’emozione di monumenti affascinanti che raccontano la storia della città.

Osservando Cagliari dal mare, rimane tuttavia la suggestione di entrare all’interno di una città scenografica, facile da vedere per l’immediatezza dei panorami, e molteplice nel continuo variare dei punti di vista. Il sapore africano delle palme e del giallo calcareo viene stemperato da un architettura marcatamente occidentale, proprio il connubio di caratteri così distanti, rende la città unica nella sua molteplicità.

Fondata in pieno neolitico (6000-3000 A.C.), solo molti secoli dopo Cagliari diventa un’autentica città, grazie ai dominatori fenicio-punici, che ne sfruttano la favorevole posizione geografica al centro del Mediterraneo, per renderla un trafficato porto commerciale. Dopo la Prima Guerra Punica (III secolo A. C.), Cagliari passa sotto il dominio di Roma, della quale ancora oggi conserva importanti reperti e testimonianze, come l’Anfiteatro Romano e la Villa di Tigellio. Con il diffondersi del Cristianesimo, la città entra in contatto con personalità di rilievo come Sant’Agostino, per poi iniziare una fase di declino sotto i Vandali e risollevarsi con il ritorno dell’Impero Bizantino, periodo questo caratterizzato dalla nascita dei Giudicati (IX-X secolo D.C), sorta di autonomie locali che permettono alle popolazioni dell’Isola una relativa indipendenza e autodeterminazione. Nel XIII secolo d.c., tuttavia, in concomitanza con il declino del Giudicato Cagliaritano, si insediano in città i Pisani, che fortificano la parte alta della città isolandola attraverso un sistema di bastioni e fortificazioni ancora oggi ben visibili nei quartieri di Castello, Stampace, Marina e Villanova. Nemmeno un secolo dopo però, nel 1324, è la volta degli Aragonesi i quali, unitisi più tardi alla corona Catalana, daranno vita al Governo Spagnolo, amministrazione che genererà un forte malcontento della popolazione. Solo nel 1717 con il trattato di Utrecht la situazione cambia. Dopo un inconsistente dominio austriaco, Cagliari e la Sardegna passano ai Savoia l’anno successivo, avviando un’epoca di grandi interventi urbanistici che gradualmente emancipano la città dalla condizione di città fortificata a favore di un più razionale sviluppo attraverso opere utili e di pregio. Dopo la Seconda Guerra Mondiale Cagliari vive una nuova vita: attorno al nucleo urbano di epoca storica comincia a nascere una nuova città che in soli 20 anni, dal 1951 al 1971, vede raddoppiare il numero delle abitazioni, attirando la popolazione delle aree circostanti e gettando così le basi della odierna area metropolitana. Oggi Cagliari appare come una città complessa, divisa tra il suo importante patrimonio storico-culturale ed il moderno, un capoluogo che tuttavia si è sviluppato negli anni in totale armonia con il territorio circostante che ne costituisce parte integrante e segno distintivo.

Image

Image

Image

Tropea, Calabria

Image

Questa cittadina calabrese,fiore all’occhiello della costa tirrenica, si erge a circa 60 mt.sul mare,ed è raggiungibile, grazie alla sua posizione sia dall’altopiano del Poro, dopo aver preso lo svincolodi S.Onofrio e quindi godere del suo panorama dall’alto, oppure prendendo lo svincolo di Pizzo e quindi ammirare la magnifica costa detta non a caso “degli Dei”.
E, appunto per la sua invidiabile posizione è anche possibile raggiungere la stupenda zona montana delle Serreche dista a non più di 1,30 min. e quindi godere di due elementi naturali incantevoli quali sono il mare tropeano e le montagne serresi.
Il clima è tipicamente mediterraneo temperato con prevalenza di sereno e rari periodi di pioggia o burrasche.

Tropea in giro per la città

Tropea mette subito in risalto all’occhio di chi la guarda la sua naturale bellezza caratterizzata dal fatto di essere adagiata su una splendida ed imponente roccia di tufo a picco sul mare e dal suo magnifico panorama marino di cui si può godere dalle stupende terrazze in parte naturali di cui essa dispone.
Un paesaggio che racchiude altre piacevoli sorprese visitando la piccola ma attraente e misteriosa cittadina sul tirreno.
Il centro storico di Tropea non ha bisogno di precise indicazioni topografiche che scandiscano vie, piazze, perché è tutto li, a portata di mano, pronto a coinvolgerti in un’atmosfera magica, ricca di arte e poesia!
E’ consigliabile comunque iniziare il percorso imboccando Via Indipendenza al cui inizio, sulla destra, vi è il Palazzo dei Conti Gabrielli. La via è fiancheggiata da negozi che meritano di essere visitati: si va dall’artigianato locale, ai negozi di prodotti tipici, alle boutique di abbigliamento! Si accede poi, alla Piazza Ercole(mitico fondatore di Tropea)?; sulla destra vi è l’antico Sedile dei Nobili, ora sede comunale nel piano superiore e Pro Loco nel piano inferiore. Al centro della piazza vi è il monumento al filosofo Pasquale Galluppi.
Proseguendo per Via Roma si arriva in Piazza del Duomo con la bella Cattedrale romanico-normanna.
Uscendo dal Duomo e andando verso la zona absidale ci si trova in una bella piazzetta panoramica sotto la quale si apre il piccolo ma suggestivo porto turistico. Si accede cosi’ in Largo Galluppi; splendida piazza a forma rettangolare con un affaccio panoramico tra i più suggestivi.
Numerosi sono i palazzi signorili che fiancheggiano la piazza. In fondo vi è l’ex convento dei Minimi di S. Francesco, ora Liceo Scientifico “Fratelli Vianeo” con a fianco la Chiesa seicentesca di S. Francesco (ora chiusa al culto).
Da qui si passa nel largo Padre di Netta su cui si affaccia Palazzo Giffone, la Chiesa del Gesù con l’annesso Convento in passato ed anche in un futuro prossimo sede del Comune. Di fronte alla Chiesa, sorge Palazzo d’Aquino in cui ebbe i natali il filosofo Pasquale Galluppi.
Da qui attraverso un vicoletto si accede sul corso dove, dopo le ore trascorse sulla spiaggia, in serata esplode tutto il turismo tropeano e della zona, in fondo al corso poi vi è uno dei più bei panorami mai visti rappresentato da un mare stupendo e sulla sinistra dal maestoso scoglio su cui sorge la Chiesa dell’Isola.
Da qui attraversando un vicoletto si arriva alla piazzetta del cannone dove ci si può rilassare veramente bevendo qualcosa in uno dei bar con la vista più bella del luogo.
Eccoci quindi arrivati in Largo Vaccari che ci traghetta direttamente sulla Via che contraddistingue la parte nuova della cittadina “Via Libertà” che una volta era piena di baracche ed ora sorgono case dignitose e negozi di ogni tipo.
Ritornando al punto di partenza della nostra breve escursione in Via Libertà,abbiamo lasciato un piccolo spazio per descrivervi la Via che più rappresenta la prima Tropea fuori dalle Porte delle mura(Porta Vaticana e Porta Nuova) stiamo parlando del “Borgo” che ha conservato tutta la primitiva bellezza urbanistica e la semplicità delle case a schiera addossate una all’altra come per reciproca difesa. Il Borgo “ammunti” e il Borgo “abbasciu ” erano le zone artigiane. Qui’ vi abitavano gran parte delle maestranze locali(mastri muratori,tintori, tessitori ecc…).
La parte alta per es. era caratterizzata da innumerevoli forge dove abili maniscalchi dall’alba, soprattutto la domenica, iniziavano il loro martellante lavoro.
L’ultima forgia la si poteva vedere fino a qualche tempo fa, ora hanno ceduto il posto a negozietti di ceramiche certamente belli ma sicuramente meno affascinanti.

Image

Image

Image

Image

La casa di Giulietta

verona3

La casa di Giulietta
Luogo dell´azione di Shakespeare

La casa di Giulietta con il più famoso balcone del mondo è una delle attrazioni principali di Verona. Un gran numero di persone si affaccia attraverso lo stretto portone ad arco nel cortile interno, ammira e scatta fotografie del balcone, e coppie di ogni età giurano qui eterna fedeltà, in ricordo del romanzo shakespeariano “Romeo e Giulietta”.

E tutto ciò nonostante i due protagonisti non sono mai realmente esistiti e William Shakespeare non visitò mai in vita sua Verona. Eppure Verona rimane inseparabilmente legata al destino dei due amanti. Per aver qualcosa da offrire alle numerose coppie innamorate, che vengono a Verona ogni anno, la città comprò nel 1905 l´odierna casa di Giulietta dalla famiglia Dal Capello e la dichiarò, vista la similitudine dei nomi, sede della famiglia Capuleti – nacque così un´attrazione turistica.
Sulle tracce di Romeo e Giulietta

Entrando nel cortile interno della casa di Giulietta, verrete per prima cosa sorpresi da migliaia di piccoli foglietti, che coprono le pareti dal suolo fino al soffitto. Secondo l´opinione popolare, chi scrive un giuramento d´amore insieme al suo partner, attaccandolo alla parete, sarà eternamente felice e fedele al suo partner. Anche chi tocca il seno destro della statua di Giulietta, creata da Nereo Constantini ed eretta nel piccolo cortile, sarà fortunato e potrà conquistare il cuore della persona amata.

La casa di Giulietta, però, non è soltanto luogo della celebre storia d´amore, ma ha molto altro da offrire: La casa affascina per il suo stile gotico, risalente al XIV secolo. Nelle singole stanze e sale si trovano numerosi pezzi d´esposizione, risalenti al tempo di Romeo e Giulietta e presentano al visitatore una buona immagine della vita nella Verona di allora.

verona1

verona4

verona5

verona6

 

 

 

Piazza di Spagna

SONY DSC

PIAZZA DI SPAGNA
Piazza di Spagna a Roma, con la scalinata di Trinità dei Monti, è sicuramente uno dei monumenti più celebri della capitale e dell’intera penisola, quasi un simbolo dell’italianità stessa. La scalinata di Trinità dei Monti si rivela poi una meravigliosa passerella per le sfilate di moda che qui si svolgono frequentemente. Uno degli eventi più celebri in questo senso è Donna sotto le stelle, manifestazione di moda e di spettacolo che coinvolge stilisti di fama internazionale e personaggi famosi del cinema e della televisione.

IMG_7800

Piazza_di_Spagna_Desktop

R4

Alberobello in Puglia

Alberobello ( in dialetto Iarubedd ) è un Comune della collina murgiana della Regione Puglia in provincia di Bari, di circa 10.000 abitanti, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996; sorge nella Valle d’Itria e si trova in posizione equidistante tra il Mar Adriatico e il Mar Ionio. Sul colle orientale vi è la città nuova con caratteristiche architettoniche moderne, sull’altra sommità, disposta ad occidente, s’allineano i “Trulli” in un agglomerato urbano suddiviso in due Rioni: “Monti” e “Aia Piccola”, entrambi monumento nazionale.

click for full size
click for full size

I “Trulli” sono un esempio architettonico di valore universale, in quanto costituiscono una testimonianza unica, o quantomeno eccezionale, di una civiltà o una tradizione culturale scomparsa e offrono un esempio di un tipo di costruzione o di complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia umana.

click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size

Positano

positano1

Varie sono le leggende su Positano, diverse le sue possibili origini, da Poseidone, dio del mare secondo i greci, che l’avrebbe fondata per la sua amata, Pasitea, ai Fenici o i Picentini.

Passata dalle mani dei Romani a quelle della Repubblica di Amalfi, Positano attraversò un periodo fiorente per i numerosi traffici marittimi con tutti i paesi mediterranei.

In seguito, gli Angioini e gli Aragonesi portarono la cittadina ad un periodo di saccheggiamenti e incursioni di pirati, infatti le torri di guardia costruite per difendersi, sono ancora ben visibili nelle contrade di Fornillo, Trasita e Sponda.

Di qui, Positano attraversò periodo alti e bassi, ma i commerci marittimi continuavano e fu proprio tra il XVI e il XVII secolo che le navi positanesi iniziarono a commerciare con l’oriente spezie, sete e varie merci preziose.

Certo è che solo dal dopoguerra in poi la città ha avuto la sua ascesa… politici, artisti, letterati e scrittori venivano a Positano attratti dalle sue mille bellezze, dai panorami, dalle sue caratteristiche case e dalla vita rilassante e tranquilla vita che vi si svolgeva.

positano-italy

positano_cook

Positano-Italy hj

positano-italy n

Le Castella, Calabria

Le Castella (KR)

ISOLA CAPO RIZZUTO (Crotone). Le apparizioni di Ulisse, Enea e le sirene.
Aleggia anche intorno a Le Castella il mito, ma è la storia millenaria di gloria e sventure . L’origine de Le Castella si perde nel tempo cosi come è circondata dal mistero la presenza, attestata fino al Cinquecento, di tre o due isolette non lontane dalla terra ferma, in una delle quali, quella denominata Calipso o Ogigia, la dea omerica avrebbe trattenuto per lungo tempo l’eroe dei mari Ulisse.
Scrive a tale riguardo Plinio: “…..Promontorium Lacinium, cuius ante oram insula X milia passuum a terra Dioscoron, altera Calypsus, quam Ogigiam appellasse Homerus exstimatur” (Plinio, Historiae Mundi libri XXXVII). Ma la vera storia del luogo è quella legata al Castello, un edificio che è stato ed è ancora oggi il baricentro di tutte le vicende di questo meraviglioso pezzo di Calabria.
Anche l’origine del nome è tuttavia incerta. Sembra che Annibale, incalzato dagli eserciti romani è costretto a un repentino ritorno in patria, abbia fatto costruire, là dove ora sorge il possente monumento aragonese una sorta di accampamento (o una torre di vedetta) intorno alla quale sarebbe più tardi nato il borgo a opera di sbandati, mercanti, trafficanti vari che nell’antichità seguivano gli eserciti per vendere o battere le proprie cianfrusaglie. Il toponimo appare per la prima volta in un trattato stipulato nel 304 a.C. tra Roma e Taranto alla fine di stabilire i limiti di navigazione per le rispettive flotte.
I tarantini vi avrebbero quindi costruito una torre che più tardi dovette suggerire ad Annibale, che aveva tanti amici tra i Bruzi sempre insofferenti dell’egemonia romana, l’idea di utilizzarla rafforzandola e forse ampliandola, come posto di vedetta. Da qui l’appellativo Castra Hannibalis, riportato anche dal Barrio (De antiquate et situ Calabriae), assegnato per un certo periodo alla postazione. Dopo l’avventura annibalica, i Romani, cosi narra Titio Livio, per motivi strategici fecero sbarcare sul posto circa tremila coloni e chiamarono il luogo Castra. Ancora una volta motivi di difesa, di controllo marittimo segnavano il destino della contrada e cosi sarebbe stato per gli anni a venire.
Nei secoli IX- XI Le Castella fu occupata dagli Arabi che avevano creato un emirato nella vicina Squillace ed avevano quindi tutto l’interesse di controllare l’intero golfo. Cessata in parte la minaccia araba, Le Castella diventa piano piano un popoloso borgo sul quale vengono erette anche due chiese: quella di Santa Maria e l’altra di San Nicola dipendenti dall’Abazia di Santa Maria della Matina in San Marco. Si ha notizia poi che intorno al 1251 a Castella erano presenti pubblici ufficiali quali giudici e notai, segno evidente questo di un’attiva vita commerciale e sociale.
Ma la serenità e la laboriosità dei suoi abitanti vengono turbate in modo grave durante la feroce guerra tra Angioini ed Aragonesi che ebbe come corollario anche l’assedio e il conseguente saccheggio de Le Castella da parte dell’ammiraglio Ruggiero di Loria che militava per il re Giacomo d’Aragona (1290). Inutile fu la resistenza dei borghigiani rimasti fedeli a Pietro Ruffo conte di Catanzaro. Qualche anno dopo Le Castella assistette a un altro clamoroso scontro fra le truppe di Guglielmo Estendard, comandante delle truppe angioine in Calabria e lo stesso Ruggiero di Loria accorso precipitosamente da Messina per difendere i territori minacciati dall’Estendard.

“A Le Castella, dai bastioni della fortezza, che risale al XIII secolo, si può scorgere un punto, al largo sul mare, dove la tradizione vuole fosse anticamente situata l’isola di Calipso. Oggi, in quello stesso punto, nelle calde notti di agosto, appaiono le ombre di Ulisse, di Enea e di un gruppo di sirene. Le loro figure sono rese chiaramente visibili da un alone fosforescente che le circonda durante l’apparizione”.
(F. Feslikenian “I fantasmi esistono. Storie documentate di apparizioni”, 1970)

t5_crotone_isola_di_capo_rizzuto_le_castella_4e2ae31980d98_20110723_050457

calabria_nr51z.T0

le_castella_3

BPD479

le castella 3

PRATO DELLA VALLE (Padova)

1556263_10152188841012249_755753809_o

PRATO DELLA VALLE (Padova)
Una delle più grandi e suggestive piazze d’Europa. Prato della Valle, uno dei simboli di Padova, è una grande piazza ellittica che, oltre ad essere la maggiore piazza padovana, è una delle più grandi d’Europa (88620 mq), seconda solo alla Piazza Rossa di Mosca. La piazza è in realtà un grande spazio monumentale.
Prato-della-Valle-dallalto1

Sicilia, Catania

2_castello_ursino

Catania, Castello Ursino

Il nome deriva da “Castrum sinus”, ossia “castello del golfo” poiché in origine era a picco sul mare ma la colata di lava dell’eruzione dell’Etna del 1669 lo allontanò dalla costa di qualche centinaio di metri. Il Castello Ursino dall’aspetto severo e massiccio fu costruito su un altopiano circondato dal mare tra il 1239 e il 1250 dall’architetto Riccardo da Lentini per volere di Federico II di Svevia. L’imperatore amava le figure geometriche. Ne è un esempio la struttura a pianta quadrata del castello delimitata da quattro torrioni a struttura circolare del diametro di 10 metri posti ad ogni angolo e da torri semicilindriche situate a metà di ciascun lato. L’ingresso si apre ad arco acuto sul prospetto, sovrastato dallo stemma degli Svevi, un’aquila che artiglia una lepre. All’interno si ammirano opere di notevole interesse artistico. Tra queste, le strutture portanti delle varie sale ornate da eleganti volte a costoloni, da pregiati capitelli intarsiati e da grandi archi ogivali. Di ottima fattura sono le statue: Afrodite di stampo ellenistico, il Torso di Eracles risalente al quarto secolo a.C., e i Gladiatori, rilievo romano su lava. Il castello fu residenza dei reali Aragonesi nel XIV sec. Verso la metà del Settecento venne circondato da imponenti mura a scopo difensivo e, in seguito, modificato nella parte meridionale secondo l’impronta rinascimentale. Nel 1837 fu trasformato in prigione. Oggi, restaurato ed illuminato in modo suggestivo, è sede del Museo civico e la sua pinacoteca ospita mostre d’arte.

Roma

1544987_10152188816462249_107817520_n

FONTANA DI TREVI (Roma)
La fontana di Trevi è una fontana imponente eretta come terminazione e mostra celebrativa del restauro di un antico acquedotto romano. La più bella e maestosa delle tante fontane che abbelliscono Roma. Sino da’ tempi di Agrippa quivi sbucciava l’Acqua Vergine da tre bocche, dalle quali trasse il suo none; ma l’acquidotto essendo stato rovinato dai barbari, la città fu priva di queste acque sino a’ tempi di Nicola V e di Sisto IV, che cominciarono a ristabilire gli acquidotti, e terminati furono di Pio IV nel 1560, ma l’acqua ne sortiva in modo semplice e campestre.

Firenze

10019_10152188829752249_109500487_n

PONTE VECCHIO (Firenze)
Il Ponte Vecchio di Firenze è il ponte più antico della città di Firenze. Attraversa il Fiume Arno nel suo punto più stretto, ed è un vero e proprio simbolo di Firenze. Ogni giorno il ponte si affolla infatti di turisti di tutto il mondo. Il Ponte Vecchio fu costruito nel 1345 da Taddeo Gaddi (secondo il Vasari) oppure da Neri di Fioravante, ed è l’unico ponte di Firenze che non è stato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

Pisa

24304_10152188884912249_1880885200_n

TORRE DI PISA (Pisa)
La torre di Pisa costituisce uno dei monumenti italiani più affascinanti e noti in tutto il mondo, ammirata per la notevole eleganza della sua struttura architettonica, oltre che per la straordinaria pendenza. Entro la cella campanaria, sono sette campane databili dal sec. XVII al XIX; qui Galileo effettuò i suoi esperimenti intorno alla caduta dei gravi; suggestivo il panorama sulla città e il territorio.

Milano

1601600_10152189041487249_677718236_n

GALLERIA VITTORIO EMANUELE II (Milano)
La Galleria Vittorio Emanuele II di Milano è un passaggio coperto (o galleria commerciale) che collega piazza della Scala e piazza Duomo tra loro e con due strade (via Silvio Pellico e via Ugo Foscolo) tramite due corti bracci perpendicolari all’asse principale. Fu progettata dall’architetto Giuseppe Mengoni e venne realizzata a partire dal 1865 in uno stile eclettico, con grottesche, cariatidi, lunette e lesene, tipico della seconda metà dell’Ottocento milanese. Le statue che la decorano sono dello scultore milanese Pietro Magni.