Tag Archives: history

Assen’s Fortress, Bulgaria

 The Fortress is located 3 km from the town. The castle was built on a rocky peak inaccessibility to Asenitza River . The earliest finds from archaeological excavations date back to 5-4 c . The area has been inhabited by the Romans, Byzantines and Bulgarians.

burnblog-asenowa krepost
click for full size

 At the time of the Thracians the fort played an important role in defending the passage, connecting the territories of ancient Thrace to the Aegean . Byzantine Emperor Justinian did rise in that placein order to stop enemy incursions from the north. After numerous raids and battles , the fortress is still standing upright. Early Middle Eastern Rhodopes are within the first Bulgarian state and city walls protect its territories from foreign invaders . In the region  was a medieval town Stenimachos . In the 13th century , having expanded the territory of Bulgaria to three seas – White, Black and Adriatic Bulgarian Tsar Ivan Asen II strengthened the fortress. Large-scale construction is charted in Bulgarian at its entrance. Message carved on the rock causes the fortress and the nearby modern town to be called Assen’s  town.

The Outer wall has been well preserved. It has a height of 3 meters and a thickness of 2 m and it is clearly visible as it is  situated at the highest point with an inner citadel tower. In peacetime, it served as the residence of the governor , and during the war was used as a watchtower and a safe haven from the enemy.It  Can trace the outlines of reservoirs whose walls were lined with ceramic pieces .

burnblog-Asenova-krepost01
click for full size

 The biggest attraction of the fortress is the medieval Christian church ” Mary of Petrich . ” Nave domed church was built in the 13th century by the order of Tsar Ivan Asen II. The tower of the temple served both tower and watchtower . The church itself has two floors , the first floor , according to the original intent of the builders was scheduled for crypt . The actual church is on the second floor . It is built with specially quarried and cut freestone blocks. The facade is indented to blind arches. Interestingly natural stone iconostasis characteristic of medieval Bulgarian church prior art and popular during the Renaissance wooden iconostasis . Part of the interior decoration of the church , however, was destroyed . During the earthquake in 1928, its dome collapsed , leaving precious frescoes of the arbitrariness of the raw mountain climate. It was later restored , thanks to it today we have some great fragments of frescoes dating back to the 14th century. This is actually the second mural layer.The firts Was applied in the 13th century , during the construction of the temple.

burnblog-Asenova_krepost1
click for full size

 Since the beginning of the 90s of the 20th century the church functions as a church . It helds services associated most often with baptisms and weddings . The rest of the fortress and the church is open to visitors. The disposal guide introduces people to tumultuous past that is steeped in history span land. Assen’s fortress is visited by about 70 thousand tourists per year.

burnblog-asenowa krepost2
click for full size

The history of ice cream…

 Around the homemade ice cream were born many stories , some true and others of fantasy , which narrate the birth of this food so special and loved by all. The pleasure of enjoying a delicious ice cream is of least three thousand years old , and his birth is uncertain.

burnblog-gelato4
click for full size

One of the earliest historical documents that speak of ” ice cream ” comes to us from a greek poet who lived in 500 BC Athens. The Greeks loved to prepare their soft drinks with a little lemon , honey and pomegranate juice with a lot of snow or ice.

If we move to Saudi , we find that each was already frozen drink called ” sherbet ” , from which the word Italian sorbet.

burnblog-gelato4
click for full size

The Arabs in Sicily were the usual mix of Etna snow fruit juices , creating what may be considered the ancestor of our homemade ice cream.

 The birth of the ice cream made ​​from milk or cream is fairly recent. He was born around the year 1565 at the court of Catherine de ‘ Medici in Florence, thanks to the architect Bernardo Buontalenti , said Master Bernardo pinwheels that achieves an almost sherbet ice cream using snow , salt ( for a law of physics latter lowers temperature) , lemons , sugar, egg white and milk.

 Subsequently, in 1686 , the enterprising Sicilian Francesco Procopio, who moved to Paris, inaugurated the ” Café Procope ” , which still exists today , where he created a new recipe for making ice cream – sorbet using fruit, honey, sugar and ice.

birnblog-gelato5
click for full size

Another important step for the production and dissemination of the ice cream comes from the United States, where Nancy Johnson, of New Jersey, in 1846 he perfected the first ice cream maker : a tub filled with ice and salt where Nancy has inserted a metal cylinder with l ‘ dough to freeze that goes with a crank. Two years after William Young cares to apply a motor to the tub , allowing a more uniform cooling of the compound . The real revolution , however, you have the beginning of 900 , with the introduction of the ice cream maker motor.

Equally important is the revolutionary invention by Fabbri (producer of syrups alcoholic and non ) of the first products for the preparation of sweet most loved in the world. It is composed of ingredients for homemade ice cream including fruit pastes and creams that the craftsman uses in his recipes by adding milk , cream or water to make its ice cream .

The ice cream has become certainly one of the most common and popular dessert in the world thanks to his kindness and genuineness of the ingredients used . The homemade ice cream always brings traditional Italian food in the world .

burnblog-gelato5
click for full size

Prague Czech Republic – interesting facts

Image

Image

The Czech Republic lies at the heart of Central Europe and at its center is the beautiful and historic city of Prague. With a population of some 1.3 million residents, the city lies on either side of the Vltava River in the middle of Bohemia that is one of the three historic Czech territories; the others being Moravia and Silesia. The city has seven “chapter divisions” or districts.

1. Interesting fact: Skoda, a local car manufacturer, is one of only four automobile trademarks that can claim a more than 100-year-old history. The company was founded by Mr. Emil Skoda. Skoda means “pity” in Czech.

2. Weird fact: The Old Kladbury Horse is considered a Living Work of Art and listed on UNESCO’s World Heritage List. It’s the only horse bred for ceremonial purposes at royal courts.

3. Random fact: Czech pucks do not leave black smudges. The exact formula of the Gufex pucks, manufactured in a Moravian village, is a secret.

4. Useless fact: The Czech Republic has the largest network of signposted footpaths in the world. As of 2002, more than 38,000 kilometers of paths have been signposted.

5. Fun fact: The first sugar cubes were made in the Czech town of Dacice in 1841.

6. Educational fact: The word “robot” is Czech. It first appeared in a drama written by Czech playwright and journalist Karel Capek called R. U. R. (Rossum’s Universal Robots). It was actually his artist brother Josef though who came up with the word.

7. Historical fact: Prague Castle, begun in the 9th century, is listed in the Guinness Book of World Records as the largest castle in the world.

8. Medical fact: Czech doctor Jan Jansky was the first to divide blood into four types in 1907.

9. Outer Space fact: Neil Armstrong played Czech composer Antonin Dvorak’s New World Symphony on the moon.

10. Religious fact: The Infant Jesus of Prague is one of the oldest and most revered images of Jesus. Credited with miracles and healing, people from all over the world have sent it dresses, which are on display at Church of Our Lady Victorious.

11. Natural fact: Pravcicka Brana is the highest natural arch in Europe. Located in northern Bohemia along the German border, it is 21 meters high with a span of 26.5 meters.

12. Sobering fact: In 1951, Dr. Jaroslav Skala created the first “sobering-up station” for those who’d enjoyed the pub a bit too much. It was to act as an introduction to his treatment facility for alcoholics. His treatment was based on routine, community order, work, sports and singing anti-alcohol songs.

Image

Kremlin in Moscow

Image

Although there is evidence of human habitation on the site of the Kremlin dating back to 500 BC, Moscow’s history really begins around 1147, when Yuri Dolgoruky, Grand Duke of Kiev, built a wooden fort at the point where the Neglina and Moskva Rivers converge. The city grew rapidly and, despite being razed by the Mongols in 1208, was soon powerful enough to attain primacy among the Russian principalities, acknowledged in 1326 when the seat of the Russian Orthodox Church moved there from Vladimir.

At the same time, stone buildings began to appear in the Kremlin and, by the end of the 14th Century, the citadel was fortified with stone walls. Under Ivan the Great (1462 – 1505), the Kremlin became the centre of a unified Russian state, and was extensively remodelled, as befitted its new status. Meanwhile, Moscow spread outside the walls of the citadel, and the Kremlin became a world apart, the base of the twin powers of state and religion. This period saw the construction of the magnificent Cathedrals of the Assumption, the Annunciation and the Archangel, and the uniquely Russian Terem Palace, the royal residence. The addition of the Ivan the Great Bell Tower completed Sobornaya Square, and added to the imposing effect of the Kremlin skyline.

Ivan’s descendents further developed and adapted the Kremlin complex and, even when Peter the Great moved the capital to St Petersburg, Russia’s rulers continued to leave their mark on the medieval town. Peter himself built the Kremlin Arsenal, originally planned as a military museum and now occupied by a barracks, and the 18th and 19th centuries brought Neoclassical masterpieces such as the Senate Building and the Great Kremlin Palace. After the 1917 Revolution, the Kremlin regained its rightful place as the seat of the Russian government, and the legacy of the Communist era is still visible in the large red stars that top many of the defensive towers, and in the vast, modern State Kremlin Palace, originally the Palace of Congresses.

Image

 

Dolceacqua

Dolceacqua, un borgo medievale ai piedi del Castello dei Doria…

Un ponte in pietra che si specchia in un’ansa del Nervia: l’immagine classica di Dolceacqua, il borgo ligure che, fra caruggi oscuri e cantine odorose, ci riporta ai secoli oscuri del dominio feudale, in un’intensa evocazione di suggestioni storiche.

Il castello, presenza arcigna e inquietante, protezione e dominio, domina con le sue severe torri quadrangolari buona parte della valle. I secoli ne hanno visto le successive distruzioni e ricostruzioni, nel vorticoso succedersi delle vicende del casato dei Doria.
Guelfi e Ghibellini, Doria e Grimaldi, Francesi e Spagnoli . Le pietre che vediamo oggi hanno resistito a decine di assedi e saccheggi, hanno visto periodi di prosperità e di decadenza ma non hanno resistito all’abbandono degli uomini.  I recenti Restuauri hanno reso accessibile la corte interna ed il cortile superiore.
Il ponte che incanto’ Claude Monet nel 1884, è un esile arco di pietra che per secoli rimase l’unico collegamento fra i due nuclei storici di Dolceacqua: la Terra, con il suo intrico di caruggi che portano al castello e il Borgo, al di qua del fiume, estensione urbana di tempi piu’ sereni.
Image

Image

dolce aqua

Cagliari

ImageCagliari custodisce gelosamente la storia e la memoria delle antiche civiltà che qui si sono succedute. Nel corso dei secoli i popoli che l’hanno abitata sono stati così numerosi e diversi da infonderle un carattere aperto e accogliente verso il visitatore. Tra le sue strade il ricordo delle diverse civiltà: Punica nei resti della Necropoli di Tuvixeddu, la Karales Romana come testimoniato dal grandiosio Anfiteatro, Bizantina con la Basilica di San Saturnino, Pisana con le alte Torri, fino ad arrivare alla Piemontese con il meraviglioso Palazzo Regio. Impronte e tracce millenarie si riscoprono tra le strette vie un tempo percorse solo da carri e carrozze. Bastano pochi passi e, tra antichi e nuovi palazzi, d’un tratto si scopre l’emozione di monumenti affascinanti che raccontano la storia della città.

Osservando Cagliari dal mare, rimane tuttavia la suggestione di entrare all’interno di una città scenografica, facile da vedere per l’immediatezza dei panorami, e molteplice nel continuo variare dei punti di vista. Il sapore africano delle palme e del giallo calcareo viene stemperato da un architettura marcatamente occidentale, proprio il connubio di caratteri così distanti, rende la città unica nella sua molteplicità.

Fondata in pieno neolitico (6000-3000 A.C.), solo molti secoli dopo Cagliari diventa un’autentica città, grazie ai dominatori fenicio-punici, che ne sfruttano la favorevole posizione geografica al centro del Mediterraneo, per renderla un trafficato porto commerciale. Dopo la Prima Guerra Punica (III secolo A. C.), Cagliari passa sotto il dominio di Roma, della quale ancora oggi conserva importanti reperti e testimonianze, come l’Anfiteatro Romano e la Villa di Tigellio. Con il diffondersi del Cristianesimo, la città entra in contatto con personalità di rilievo come Sant’Agostino, per poi iniziare una fase di declino sotto i Vandali e risollevarsi con il ritorno dell’Impero Bizantino, periodo questo caratterizzato dalla nascita dei Giudicati (IX-X secolo D.C), sorta di autonomie locali che permettono alle popolazioni dell’Isola una relativa indipendenza e autodeterminazione. Nel XIII secolo d.c., tuttavia, in concomitanza con il declino del Giudicato Cagliaritano, si insediano in città i Pisani, che fortificano la parte alta della città isolandola attraverso un sistema di bastioni e fortificazioni ancora oggi ben visibili nei quartieri di Castello, Stampace, Marina e Villanova. Nemmeno un secolo dopo però, nel 1324, è la volta degli Aragonesi i quali, unitisi più tardi alla corona Catalana, daranno vita al Governo Spagnolo, amministrazione che genererà un forte malcontento della popolazione. Solo nel 1717 con il trattato di Utrecht la situazione cambia. Dopo un inconsistente dominio austriaco, Cagliari e la Sardegna passano ai Savoia l’anno successivo, avviando un’epoca di grandi interventi urbanistici che gradualmente emancipano la città dalla condizione di città fortificata a favore di un più razionale sviluppo attraverso opere utili e di pregio. Dopo la Seconda Guerra Mondiale Cagliari vive una nuova vita: attorno al nucleo urbano di epoca storica comincia a nascere una nuova città che in soli 20 anni, dal 1951 al 1971, vede raddoppiare il numero delle abitazioni, attirando la popolazione delle aree circostanti e gettando così le basi della odierna area metropolitana. Oggi Cagliari appare come una città complessa, divisa tra il suo importante patrimonio storico-culturale ed il moderno, un capoluogo che tuttavia si è sviluppato negli anni in totale armonia con il territorio circostante che ne costituisce parte integrante e segno distintivo.

Image

Image

Image

Scala dei Turchi, Sicilia

La Scala dei Turchi è una parete rocciosa (falesia) che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte, vicino a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. È diventata nel tempo un’attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera, di colore bianco e dalle peculiari forme, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano scritti da Andrea Camilleri, in cui tali luoghi vengono citati (vicino è l’immaginario paese del commissario, Vigata).

La Scala è costituita di marna, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa, avente un caratteristico colore bianco puro. Tale scogliera dal singolare aspetto si erge in mezzo tra due spiagge di sabbia fine, e per accedervi bisogna procedere lungo il litorale e inerpicarsi in una salita somigliante a una grande scalinata naturale di pietra calcarea. Una volta raggiunta la sommità della scogliera, il paesaggio visibile abbraccia la costa agrigentina fino a Capo Rossello, altro luogo legato alle gesta di Montalbano.

La Scala dei Turchi presenta una forma ondulata e irregolare, con linee non aspre bensì dolci e rotondeggianti. Il nome le viene dalle passate incursioni di pirateria da parte dei saraceni, genti arabe e, per convenzione, turche; i pirati turchi, infatti, trovavano riparo in questa zona meno battuta dai venti e rappresentante un più sicuro approdo.

Image

Image

Image

Tropea, Calabria

Image

Questa cittadina calabrese,fiore all’occhiello della costa tirrenica, si erge a circa 60 mt.sul mare,ed è raggiungibile, grazie alla sua posizione sia dall’altopiano del Poro, dopo aver preso lo svincolodi S.Onofrio e quindi godere del suo panorama dall’alto, oppure prendendo lo svincolo di Pizzo e quindi ammirare la magnifica costa detta non a caso “degli Dei”.
E, appunto per la sua invidiabile posizione è anche possibile raggiungere la stupenda zona montana delle Serreche dista a non più di 1,30 min. e quindi godere di due elementi naturali incantevoli quali sono il mare tropeano e le montagne serresi.
Il clima è tipicamente mediterraneo temperato con prevalenza di sereno e rari periodi di pioggia o burrasche.

Tropea in giro per la città

Tropea mette subito in risalto all’occhio di chi la guarda la sua naturale bellezza caratterizzata dal fatto di essere adagiata su una splendida ed imponente roccia di tufo a picco sul mare e dal suo magnifico panorama marino di cui si può godere dalle stupende terrazze in parte naturali di cui essa dispone.
Un paesaggio che racchiude altre piacevoli sorprese visitando la piccola ma attraente e misteriosa cittadina sul tirreno.
Il centro storico di Tropea non ha bisogno di precise indicazioni topografiche che scandiscano vie, piazze, perché è tutto li, a portata di mano, pronto a coinvolgerti in un’atmosfera magica, ricca di arte e poesia!
E’ consigliabile comunque iniziare il percorso imboccando Via Indipendenza al cui inizio, sulla destra, vi è il Palazzo dei Conti Gabrielli. La via è fiancheggiata da negozi che meritano di essere visitati: si va dall’artigianato locale, ai negozi di prodotti tipici, alle boutique di abbigliamento! Si accede poi, alla Piazza Ercole(mitico fondatore di Tropea)?; sulla destra vi è l’antico Sedile dei Nobili, ora sede comunale nel piano superiore e Pro Loco nel piano inferiore. Al centro della piazza vi è il monumento al filosofo Pasquale Galluppi.
Proseguendo per Via Roma si arriva in Piazza del Duomo con la bella Cattedrale romanico-normanna.
Uscendo dal Duomo e andando verso la zona absidale ci si trova in una bella piazzetta panoramica sotto la quale si apre il piccolo ma suggestivo porto turistico. Si accede cosi’ in Largo Galluppi; splendida piazza a forma rettangolare con un affaccio panoramico tra i più suggestivi.
Numerosi sono i palazzi signorili che fiancheggiano la piazza. In fondo vi è l’ex convento dei Minimi di S. Francesco, ora Liceo Scientifico “Fratelli Vianeo” con a fianco la Chiesa seicentesca di S. Francesco (ora chiusa al culto).
Da qui si passa nel largo Padre di Netta su cui si affaccia Palazzo Giffone, la Chiesa del Gesù con l’annesso Convento in passato ed anche in un futuro prossimo sede del Comune. Di fronte alla Chiesa, sorge Palazzo d’Aquino in cui ebbe i natali il filosofo Pasquale Galluppi.
Da qui attraverso un vicoletto si accede sul corso dove, dopo le ore trascorse sulla spiaggia, in serata esplode tutto il turismo tropeano e della zona, in fondo al corso poi vi è uno dei più bei panorami mai visti rappresentato da un mare stupendo e sulla sinistra dal maestoso scoglio su cui sorge la Chiesa dell’Isola.
Da qui attraversando un vicoletto si arriva alla piazzetta del cannone dove ci si può rilassare veramente bevendo qualcosa in uno dei bar con la vista più bella del luogo.
Eccoci quindi arrivati in Largo Vaccari che ci traghetta direttamente sulla Via che contraddistingue la parte nuova della cittadina “Via Libertà” che una volta era piena di baracche ed ora sorgono case dignitose e negozi di ogni tipo.
Ritornando al punto di partenza della nostra breve escursione in Via Libertà,abbiamo lasciato un piccolo spazio per descrivervi la Via che più rappresenta la prima Tropea fuori dalle Porte delle mura(Porta Vaticana e Porta Nuova) stiamo parlando del “Borgo” che ha conservato tutta la primitiva bellezza urbanistica e la semplicità delle case a schiera addossate una all’altra come per reciproca difesa. Il Borgo “ammunti” e il Borgo “abbasciu ” erano le zone artigiane. Qui’ vi abitavano gran parte delle maestranze locali(mastri muratori,tintori, tessitori ecc…).
La parte alta per es. era caratterizzata da innumerevoli forge dove abili maniscalchi dall’alba, soprattutto la domenica, iniziavano il loro martellante lavoro.
L’ultima forgia la si poteva vedere fino a qualche tempo fa, ora hanno ceduto il posto a negozietti di ceramiche certamente belli ma sicuramente meno affascinanti.

Image

Image

Image

Image

CinqueTerre

3q

Un territorio in cui mare e terra si fondono a formare un’area unica e suggestiva. Diciotto chilometri di costa rocciosa ricca di baie, spiagge e fondali profondi, sovrastata da una catena di monti che corrono paralleli al litorale. Terrazzamenti coltivati a vite e a olivo, il cui contenimento è assicurato da antichi muretti a secco.
Un patrimonio naturalistico di grande varietà. Sentieri e mulattiere dai panorami mozzafiato. Cinque borghi: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, che si affacciano sul mare. Un ambiente in cui il lavoro secolare di generazioni ha trasformato un territorio inaccessibile in un paesaggio di straordinaria bellezza. Un’Area Marina Protetta e un Parco Nazionale che ne tutelano l’assoluta unicità. Queste, in sintesi, le Cinque Terre, dichiarate dall’UNESCO fin dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

4q

6q

7q