Tag Archives: Italy

The history of ice cream…

 Around the homemade ice cream were born many stories , some true and others of fantasy , which narrate the birth of this food so special and loved by all. The pleasure of enjoying a delicious ice cream is of least three thousand years old , and his birth is uncertain.

burnblog-gelato4
click for full size

One of the earliest historical documents that speak of ” ice cream ” comes to us from a greek poet who lived in 500 BC Athens. The Greeks loved to prepare their soft drinks with a little lemon , honey and pomegranate juice with a lot of snow or ice.

If we move to Saudi , we find that each was already frozen drink called ” sherbet ” , from which the word Italian sorbet.

burnblog-gelato4
click for full size

The Arabs in Sicily were the usual mix of Etna snow fruit juices , creating what may be considered the ancestor of our homemade ice cream.

 The birth of the ice cream made ​​from milk or cream is fairly recent. He was born around the year 1565 at the court of Catherine de ‘ Medici in Florence, thanks to the architect Bernardo Buontalenti , said Master Bernardo pinwheels that achieves an almost sherbet ice cream using snow , salt ( for a law of physics latter lowers temperature) , lemons , sugar, egg white and milk.

 Subsequently, in 1686 , the enterprising Sicilian Francesco Procopio, who moved to Paris, inaugurated the ” Café Procope ” , which still exists today , where he created a new recipe for making ice cream – sorbet using fruit, honey, sugar and ice.

birnblog-gelato5
click for full size

Another important step for the production and dissemination of the ice cream comes from the United States, where Nancy Johnson, of New Jersey, in 1846 he perfected the first ice cream maker : a tub filled with ice and salt where Nancy has inserted a metal cylinder with l ‘ dough to freeze that goes with a crank. Two years after William Young cares to apply a motor to the tub , allowing a more uniform cooling of the compound . The real revolution , however, you have the beginning of 900 , with the introduction of the ice cream maker motor.

Equally important is the revolutionary invention by Fabbri (producer of syrups alcoholic and non ) of the first products for the preparation of sweet most loved in the world. It is composed of ingredients for homemade ice cream including fruit pastes and creams that the craftsman uses in his recipes by adding milk , cream or water to make its ice cream .

The ice cream has become certainly one of the most common and popular dessert in the world thanks to his kindness and genuineness of the ingredients used . The homemade ice cream always brings traditional Italian food in the world .

burnblog-gelato5
click for full size

The History of Pizza

The further back we look in time, the more interesting details we can find about that surrounds pizza.

Today this dish is one of the most popular foods on the entire Earth, but that fame and recognition came from the decades of work of many international pizza restaurant franchises which spread this dish to the all four corners of the world. Before these pizza chains were formed, this dish slowly rose in popularity in the United Stated, brought from the Europe by the Italian settlers which did not wanted to be parted from one of the most iconic meals of their country. And there, in the Mediterranean coastal city of Naples, the modern Pizza was created.

burnblog-la pizza italiana
click for full size

Although 19th century Italy is regarded as a home of modern pizza, it roots go all the way back to the ancient Roman, Greek and Persian empires. The records from those times depict various types of bread in round and flat shapes, with various toppings on top. Although many European civilizations continued to use meals created in this fashion even up to today(coca from Catalonia and Valencia, Greek Pita, Turkish Pide,Lepinja or Solmun in Balkans), the cooks from Italy became most interested in pizza. They produced various pizza products from the ancient times to the middle ages. In the preserved ruins of the Italian city of Pompei, archeologist found unmistakable signs of the network that supported pizza production – from the street stands to the restaurant kitchens were pizzas were made.

Most important ingredient that elevated local Italian dish to the worldwide famous pizza was arrival of the tomato from the New World in 16th century. Although Italian nobility regarded tomato as a poor man’s food, the inventive recipes and designs of Italian pizza cooks from Naples soon managed to change their minds. As the popularity of the pizza grew, pizza makers started to expand their business.

The first restaurant dedicated only for selling pizza was opened in Naples in 1830, and after that many more appeared across all Italy. The pizza from witch almost all designs are based was created in the 1889 by the hands of the famous Naples chef Raffaele Esposito who made three pizzas for the King and Queen of Italy. His design of pizza Margherita became gold standard for all future pizzas.

burnblog-pizza-margherita
click for full size
burnblog-la pizza italiana 4
click for full size

Facts about the Colosseum, one of the greatest buildings of Ancient Rome.

The Colosseum took ten years to build. Its construction was ordered by the Emperor Vespasian in 70 AD and it was completed under the rule of his son, Titus, in 80 AD.
It had a capacity of over 50,000 and it could be filled in about half an hour.
Spectators could watch gladiators fighting each other, executions, demonstrations of animal hunting, battle re-enactments and even sea battles – the arena would be flooded.
The Colosseum was built on the site of a former lake. Drains were built 8m below the building to deal with the water flowing in from nearby streams.
It has massive foundations which are over 10 metres deep in some places.
Historians haven’t been able to discover the name of the Colosseum’s architect.
The arena in the centre of the Colosseum was covered in sand and contained a number of trap-doors so that wild animals could leap in to spice up the gladiatorial combat.

burnblog-Colosseum_-_Rom
click on picture for full image

It is estimated that over 400,000 people lost their lives in the Colosseum.
The Colosseum is the largest of the 200+ amphitheatres built in the Roman Empire.
The outer walls are nearly 50 metres high.
When it rained or when the sun was beating down too strongly on the spectators, a large fabric covering called the velarium was drawn across the Colosseum and anchored by ropes.
The last recorded evidence of Roman gladiators fighting in the Colosseum was in 435 AD.
The Colosseum was severely damaged in an earthquake in 1349. Lots of its stone was used to build churches, hospitals and palaces in Rome. Over the centuries, much of the building’s most valuable materials were stipped away. Today only a fraction of the original building remains intact.
The Colossuem is one of Rome’s key toursit attractions.
During its years of neglect, the Colosseum was home to many exotic species of plants. These probably grew from seeds which were brought in from across the Roman Empire when wild animals were used in the amphitheatre.

burnblog-Colloseumaerial
click on picture for full image

The mostaccioli calabresi

Soriano Calabro is a little town of Calabria, a region of South Italy. This little town is renowned for its hard biscuits known as Mostaccioli,also called mastazzola”, “mustazzoli” o “’nzudde“,of various shapes, decorated with coloured tin foil. The most common traditional shapes are fifty,known as “a parma“, “u panaru“, “a grasta“, “u cori“,”u pisci spada“,”a sirena“; that is to say: the palm,the basket,the plant, the heart, the swordfish and the siren. Reading Luigi Accattatis’ in Calabrian Dialect Vocabulary(1977); he writes: “Mustazzuòlo or mostacciolo” is a sweet brought by Arabs and it’s made with wheat flour melt into honey or “done must”; then, seasoned with spices and baked. People eat this kind of titbit during wedding ceremonies especially”. Giovan Battista Marzano’s definition-in his Etymologic Dictionary(1928) is more detailed:”mostaccioli are homemade sweets with flour,honey,done must,seasoned with spices and rhombus-,puppet-,basket- shaped,ecc. The name comes from the Latin word mustaceus or mustaceum, from mustacea, an ancient flat cake for wedding ceremonies, made by a mixture of flour, done must, fat seasoning,cacio cheese,aniseed and cooked on bay leaves”. Anyway, mostaccioli origin is still uncertain-maybe, Arabian, a legend tells about a mysterious monk, suddenly appeared and then soon vanished,who generously offered mostaccioli to Soriano poor rural people.
S.Domenico,whose sanctuary was a pilgrimage and worship destination, watched over these animated sweets and later,he became the patron saint of mastazzolari and the craftsman is called “u monacu”(the monk).
According to history, the introduction of mostaccioli is due to Dominicans monks of S.Domenico monastery(1510). They tought,upheld and improved among craftsmen the local confectionery art,which was flourishing between ‘600 and ‘700 and involving monasteries,first of all.

Image

Limoncello

The history of limoncello bends through a series of anecdotes and legends. Its paternity is competed by sorrentini, amalfitani and capresi. In small plots of kilometres, three populations boast of a production of limoncello passed on by various generations. In Capri, someone says that its origins are linked to the events of the family of the businessman Massimo Canale who, in 1988, registered the first trademark “Limoncello”.

The liquor was born at the beginning of 1900, in a small boarding house of the island Azzurra, where the lady Maria Antonia Farace took care of a rigorous garden of lemons and oranges. The nephew, during the post-war period, opened a bar near Alex Munte’s villa. The speciality of that bar was the lemon liquor made with nonna’s old recipe. In 1988, the son Massimo Canale started a small handmade production of limoncello, registering the trademark. But really, Sorrento and Amalfi have some legends and stories on the production of the traditional yellow liquor. On the coastal, for example, the story narrates that the big families of Sorrento, at the beginning of 1900, would always ensure that their illustrious guests would get a taste of limoncello, made according to the traditional recipe. In Amalfi, there’s even who believes that the liquor has older origins, almost linked to the lemon cultivation. However, as it frequently happens in these circumstances, the truth is vague and the hypothesis are many and interesting. Someone believes that limoncello was used in the morning by fishermen and countrymen to fight the cold, since the invasion periods. Others, instead, believe that the recipe was born inside a monastic convent to delight the monks from prayer to prayer. Maybe, we’ll never know the truth, except for the fact that the traditional yellow liquor has crossed the borders from decades, conquering the markets of half world. Bottles of limoncello are present on the shelves of overseas’ markets, and new important commercial sceneries are developing on the Asian markets.

So, limoncello, could really become a worldwide product like Bitter or Amaretto. And in order to defend itself from the imitations, it is run also to the shelters, reserving to the production of the characteristic “oval” sorrentino the denomination of geographic Indication protect (IGP).
The original lemon of Sorrento has to be produced in one of the town council of the territory that goes from Vico Equense to Massa Lubrense and the island of Capri.

Image

Image

Tartufo di Pizzo

The Tartufo di Pizzo ice cream was invented in 1952 when a relative of king Victor Emannuel II came to Pizzo in honour of the celebration of an aristocratic marriage. For this occasion many guests were invited for an elaborate dinner. Unfortunately the hosts did not have enough cups to serve the guests the ice cream dessert but a clever pastry maker named Don Pippo de Maria came up with a creative solution. He invented an ice cream that did not need a cup but instead could be served on a plate. He put a small portion of hazel and a small amount of chocolate ice cream in the palm of his hand, he poured over some melted chocolate and then wrapped everything up in special paper to mould it. Wrapped up like little presents, he put the ice cream parcels back in the freezer before serving it to his guests.

Don Pippo’s invention earned him immediate fame. After the aristocratic wedding Don Pippo went back to his ice cream parlour which exists to this day. A former waiter of Don Pippo named Giorgio di Iorgi took over Bar Dante in 1964. It is still there on the central piazza in Pizzo and serves the famous Tartufo ice cream according to the secret recipe of Don Pippo.

Since then Tartufo di Pizzo ice cream has become legendary. The original recipe is kept under strict guard by the De Maria descendants.

Cagliari

ImageCagliari custodisce gelosamente la storia e la memoria delle antiche civiltà che qui si sono succedute. Nel corso dei secoli i popoli che l’hanno abitata sono stati così numerosi e diversi da infonderle un carattere aperto e accogliente verso il visitatore. Tra le sue strade il ricordo delle diverse civiltà: Punica nei resti della Necropoli di Tuvixeddu, la Karales Romana come testimoniato dal grandiosio Anfiteatro, Bizantina con la Basilica di San Saturnino, Pisana con le alte Torri, fino ad arrivare alla Piemontese con il meraviglioso Palazzo Regio. Impronte e tracce millenarie si riscoprono tra le strette vie un tempo percorse solo da carri e carrozze. Bastano pochi passi e, tra antichi e nuovi palazzi, d’un tratto si scopre l’emozione di monumenti affascinanti che raccontano la storia della città.

Osservando Cagliari dal mare, rimane tuttavia la suggestione di entrare all’interno di una città scenografica, facile da vedere per l’immediatezza dei panorami, e molteplice nel continuo variare dei punti di vista. Il sapore africano delle palme e del giallo calcareo viene stemperato da un architettura marcatamente occidentale, proprio il connubio di caratteri così distanti, rende la città unica nella sua molteplicità.

Fondata in pieno neolitico (6000-3000 A.C.), solo molti secoli dopo Cagliari diventa un’autentica città, grazie ai dominatori fenicio-punici, che ne sfruttano la favorevole posizione geografica al centro del Mediterraneo, per renderla un trafficato porto commerciale. Dopo la Prima Guerra Punica (III secolo A. C.), Cagliari passa sotto il dominio di Roma, della quale ancora oggi conserva importanti reperti e testimonianze, come l’Anfiteatro Romano e la Villa di Tigellio. Con il diffondersi del Cristianesimo, la città entra in contatto con personalità di rilievo come Sant’Agostino, per poi iniziare una fase di declino sotto i Vandali e risollevarsi con il ritorno dell’Impero Bizantino, periodo questo caratterizzato dalla nascita dei Giudicati (IX-X secolo D.C), sorta di autonomie locali che permettono alle popolazioni dell’Isola una relativa indipendenza e autodeterminazione. Nel XIII secolo d.c., tuttavia, in concomitanza con il declino del Giudicato Cagliaritano, si insediano in città i Pisani, che fortificano la parte alta della città isolandola attraverso un sistema di bastioni e fortificazioni ancora oggi ben visibili nei quartieri di Castello, Stampace, Marina e Villanova. Nemmeno un secolo dopo però, nel 1324, è la volta degli Aragonesi i quali, unitisi più tardi alla corona Catalana, daranno vita al Governo Spagnolo, amministrazione che genererà un forte malcontento della popolazione. Solo nel 1717 con il trattato di Utrecht la situazione cambia. Dopo un inconsistente dominio austriaco, Cagliari e la Sardegna passano ai Savoia l’anno successivo, avviando un’epoca di grandi interventi urbanistici che gradualmente emancipano la città dalla condizione di città fortificata a favore di un più razionale sviluppo attraverso opere utili e di pregio. Dopo la Seconda Guerra Mondiale Cagliari vive una nuova vita: attorno al nucleo urbano di epoca storica comincia a nascere una nuova città che in soli 20 anni, dal 1951 al 1971, vede raddoppiare il numero delle abitazioni, attirando la popolazione delle aree circostanti e gettando così le basi della odierna area metropolitana. Oggi Cagliari appare come una città complessa, divisa tra il suo importante patrimonio storico-culturale ed il moderno, un capoluogo che tuttavia si è sviluppato negli anni in totale armonia con il territorio circostante che ne costituisce parte integrante e segno distintivo.

Image

Image

Image

Amaretto Disaronno

Amaretto Disaronno!!!!
Come molte ricette a base di mandorle, è di antichissima tradizione e affonda le sue origini nel 1500. Nella città di Saronno (Milano) venne commissionato al pittore Bernardino Luini un affresco che ritrae la Madonna e l’Adorazione dei magi. L’affresco è tutt’oggi visibile nel Santuario della Beata Vergine dei Miracoli. La leggenda narra che nel periodo in cui il pittore soggiornò a Saronno alloggiasse presso una locandiera di particolare bellezza, di cui si innamorò al punto da usarla come modella per la sua Madonna. Per ringraziarlo, lei gli offrì un elisir di erbe, zucchero tostato, mandorle amare e brandy che venne immediatamente apprezzato e si diffuse in pochissimo tempo. Il liquore mantenne quindi un significato di affezione e amicizia ed è oggi uno dei prodotti italiani più diffusi all’estero. Non viene tradotto e il nome resta invariato in tutte le lingue. Nella città di Saronno ha sede lo storico stabilimento dell’azienda Illva Saronno S.p.a., produttrice del liquore con il marchio “Disaronno”.

Scala dei Turchi, Sicilia

La Scala dei Turchi è una parete rocciosa (falesia) che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte, vicino a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. È diventata nel tempo un’attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera, di colore bianco e dalle peculiari forme, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano scritti da Andrea Camilleri, in cui tali luoghi vengono citati (vicino è l’immaginario paese del commissario, Vigata).

La Scala è costituita di marna, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa, avente un caratteristico colore bianco puro. Tale scogliera dal singolare aspetto si erge in mezzo tra due spiagge di sabbia fine, e per accedervi bisogna procedere lungo il litorale e inerpicarsi in una salita somigliante a una grande scalinata naturale di pietra calcarea. Una volta raggiunta la sommità della scogliera, il paesaggio visibile abbraccia la costa agrigentina fino a Capo Rossello, altro luogo legato alle gesta di Montalbano.

La Scala dei Turchi presenta una forma ondulata e irregolare, con linee non aspre bensì dolci e rotondeggianti. Il nome le viene dalle passate incursioni di pirateria da parte dei saraceni, genti arabe e, per convenzione, turche; i pirati turchi, infatti, trovavano riparo in questa zona meno battuta dai venti e rappresentante un più sicuro approdo.

Image

Image

Image

Tropea, Calabria

Image

Questa cittadina calabrese,fiore all’occhiello della costa tirrenica, si erge a circa 60 mt.sul mare,ed è raggiungibile, grazie alla sua posizione sia dall’altopiano del Poro, dopo aver preso lo svincolodi S.Onofrio e quindi godere del suo panorama dall’alto, oppure prendendo lo svincolo di Pizzo e quindi ammirare la magnifica costa detta non a caso “degli Dei”.
E, appunto per la sua invidiabile posizione è anche possibile raggiungere la stupenda zona montana delle Serreche dista a non più di 1,30 min. e quindi godere di due elementi naturali incantevoli quali sono il mare tropeano e le montagne serresi.
Il clima è tipicamente mediterraneo temperato con prevalenza di sereno e rari periodi di pioggia o burrasche.

Tropea in giro per la città

Tropea mette subito in risalto all’occhio di chi la guarda la sua naturale bellezza caratterizzata dal fatto di essere adagiata su una splendida ed imponente roccia di tufo a picco sul mare e dal suo magnifico panorama marino di cui si può godere dalle stupende terrazze in parte naturali di cui essa dispone.
Un paesaggio che racchiude altre piacevoli sorprese visitando la piccola ma attraente e misteriosa cittadina sul tirreno.
Il centro storico di Tropea non ha bisogno di precise indicazioni topografiche che scandiscano vie, piazze, perché è tutto li, a portata di mano, pronto a coinvolgerti in un’atmosfera magica, ricca di arte e poesia!
E’ consigliabile comunque iniziare il percorso imboccando Via Indipendenza al cui inizio, sulla destra, vi è il Palazzo dei Conti Gabrielli. La via è fiancheggiata da negozi che meritano di essere visitati: si va dall’artigianato locale, ai negozi di prodotti tipici, alle boutique di abbigliamento! Si accede poi, alla Piazza Ercole(mitico fondatore di Tropea)?; sulla destra vi è l’antico Sedile dei Nobili, ora sede comunale nel piano superiore e Pro Loco nel piano inferiore. Al centro della piazza vi è il monumento al filosofo Pasquale Galluppi.
Proseguendo per Via Roma si arriva in Piazza del Duomo con la bella Cattedrale romanico-normanna.
Uscendo dal Duomo e andando verso la zona absidale ci si trova in una bella piazzetta panoramica sotto la quale si apre il piccolo ma suggestivo porto turistico. Si accede cosi’ in Largo Galluppi; splendida piazza a forma rettangolare con un affaccio panoramico tra i più suggestivi.
Numerosi sono i palazzi signorili che fiancheggiano la piazza. In fondo vi è l’ex convento dei Minimi di S. Francesco, ora Liceo Scientifico “Fratelli Vianeo” con a fianco la Chiesa seicentesca di S. Francesco (ora chiusa al culto).
Da qui si passa nel largo Padre di Netta su cui si affaccia Palazzo Giffone, la Chiesa del Gesù con l’annesso Convento in passato ed anche in un futuro prossimo sede del Comune. Di fronte alla Chiesa, sorge Palazzo d’Aquino in cui ebbe i natali il filosofo Pasquale Galluppi.
Da qui attraverso un vicoletto si accede sul corso dove, dopo le ore trascorse sulla spiaggia, in serata esplode tutto il turismo tropeano e della zona, in fondo al corso poi vi è uno dei più bei panorami mai visti rappresentato da un mare stupendo e sulla sinistra dal maestoso scoglio su cui sorge la Chiesa dell’Isola.
Da qui attraversando un vicoletto si arriva alla piazzetta del cannone dove ci si può rilassare veramente bevendo qualcosa in uno dei bar con la vista più bella del luogo.
Eccoci quindi arrivati in Largo Vaccari che ci traghetta direttamente sulla Via che contraddistingue la parte nuova della cittadina “Via Libertà” che una volta era piena di baracche ed ora sorgono case dignitose e negozi di ogni tipo.
Ritornando al punto di partenza della nostra breve escursione in Via Libertà,abbiamo lasciato un piccolo spazio per descrivervi la Via che più rappresenta la prima Tropea fuori dalle Porte delle mura(Porta Vaticana e Porta Nuova) stiamo parlando del “Borgo” che ha conservato tutta la primitiva bellezza urbanistica e la semplicità delle case a schiera addossate una all’altra come per reciproca difesa. Il Borgo “ammunti” e il Borgo “abbasciu ” erano le zone artigiane. Qui’ vi abitavano gran parte delle maestranze locali(mastri muratori,tintori, tessitori ecc…).
La parte alta per es. era caratterizzata da innumerevoli forge dove abili maniscalchi dall’alba, soprattutto la domenica, iniziavano il loro martellante lavoro.
L’ultima forgia la si poteva vedere fino a qualche tempo fa, ora hanno ceduto il posto a negozietti di ceramiche certamente belli ma sicuramente meno affascinanti.

Image

Image

Image

Image

Capri

Image

L’isola è, a differenza delle vicine Ischia e Procida, di origine carsica. Inizialmente era unita alla Penisola Sorrentina, salvo essere successivamente sommersa in parte dal mare e separata quindi dalla terraferma, dove oggi si trova lo stretto di Bocca Piccola. Capri presenta una struttura morfologica complessa, con cime di media altezza (Monte Solaro 589 m e Monte Tiberio 334 m) e vasti altipiani interni, tra cui il principale è quello detto di “Anacapri”.
La costa è frastagliata con numerose grotte e cale che si alternano a ripide scogliere. Le grotte, nascoste sotto le scogliere, furono utilizzate in epoca romana come ninfei delle sontuose ville che vennero costruite qui durante l’Impero. La più famosa è senza dubbio la Grotta Azzurra, in cui magici effetti luminosi furono descritti da moltissimi scrittori e poeti.
Caratteristici di Capri sono i celebri i Faraglioni, tre piccoli isolotti rocciosi a poca distanza dalla riva che creano uno spettacolare effetto scenografico e paesaggistico; ad essi sono stati attribuiti anche dei nomi per distinguerli: Stella per quello attaccato alla terraferma, Faraglione di Mezzo per quello frapposto agli altri due e Faraglione di Fuori (o Scopolo) per quello più lontano dall’isola.
A Capri non sono più presenti sorgenti d’acqua potabile. L’isola conserva numerose specie animali e vegetali, alcune endemiche e rarissime, come la lucertola azzurra, che vive su uno dei tre Faraglioni. La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d’India e ginestre.
I principali centri abitati dell’isola sono Capri, Anacapri, Marina Grande mentre l’altro versante marino di Capri, Marina Piccola, risulta meno abitato e ancora più soggetto al fenomeno della speculazione edilizia che ha investito tutta l’isola dai primi anni ottanta ad oggi.

Image

Image

Image

Image

CinqueTerre

3q

Un territorio in cui mare e terra si fondono a formare un’area unica e suggestiva. Diciotto chilometri di costa rocciosa ricca di baie, spiagge e fondali profondi, sovrastata da una catena di monti che corrono paralleli al litorale. Terrazzamenti coltivati a vite e a olivo, il cui contenimento è assicurato da antichi muretti a secco.
Un patrimonio naturalistico di grande varietà. Sentieri e mulattiere dai panorami mozzafiato. Cinque borghi: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, che si affacciano sul mare. Un ambiente in cui il lavoro secolare di generazioni ha trasformato un territorio inaccessibile in un paesaggio di straordinaria bellezza. Un’Area Marina Protetta e un Parco Nazionale che ne tutelano l’assoluta unicità. Queste, in sintesi, le Cinque Terre, dichiarate dall’UNESCO fin dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

4q

6q

7q

La casa di Giulietta

verona3

La casa di Giulietta
Luogo dell´azione di Shakespeare

La casa di Giulietta con il più famoso balcone del mondo è una delle attrazioni principali di Verona. Un gran numero di persone si affaccia attraverso lo stretto portone ad arco nel cortile interno, ammira e scatta fotografie del balcone, e coppie di ogni età giurano qui eterna fedeltà, in ricordo del romanzo shakespeariano “Romeo e Giulietta”.

E tutto ciò nonostante i due protagonisti non sono mai realmente esistiti e William Shakespeare non visitò mai in vita sua Verona. Eppure Verona rimane inseparabilmente legata al destino dei due amanti. Per aver qualcosa da offrire alle numerose coppie innamorate, che vengono a Verona ogni anno, la città comprò nel 1905 l´odierna casa di Giulietta dalla famiglia Dal Capello e la dichiarò, vista la similitudine dei nomi, sede della famiglia Capuleti – nacque così un´attrazione turistica.
Sulle tracce di Romeo e Giulietta

Entrando nel cortile interno della casa di Giulietta, verrete per prima cosa sorpresi da migliaia di piccoli foglietti, che coprono le pareti dal suolo fino al soffitto. Secondo l´opinione popolare, chi scrive un giuramento d´amore insieme al suo partner, attaccandolo alla parete, sarà eternamente felice e fedele al suo partner. Anche chi tocca il seno destro della statua di Giulietta, creata da Nereo Constantini ed eretta nel piccolo cortile, sarà fortunato e potrà conquistare il cuore della persona amata.

La casa di Giulietta, però, non è soltanto luogo della celebre storia d´amore, ma ha molto altro da offrire: La casa affascina per il suo stile gotico, risalente al XIV secolo. Nelle singole stanze e sale si trovano numerosi pezzi d´esposizione, risalenti al tempo di Romeo e Giulietta e presentano al visitatore una buona immagine della vita nella Verona di allora.

verona1

verona4

verona5

verona6

 

 

 

Pompei

??????????

Pompei sorge su un altopiano di formazione vulcanica, sul versante meridionale del Vesuvio, a circa 30 metri sul livello del mare ed a breve distanza dalla foce del fiume Sarno, in una suggestiva posizione, decantata in epoca romana anche da Seneca. La mancanza di sorgenti o corsi d’acqua sull’altopiano impedì il suo popolamento nelle epoche più remote, anche se nel corso dell’ VIII secolo a. C. nella vicina valle del Sarno si erano formati alcuni insediamenti , come testimoniano numerose tombe a fossa. La popolazione che fondò Pompei era sicuramente osca, ma è dubbio se il nome stesso della città derivi dal greco o dall’osco. La fortuna della città fu sin dall’inizio legata alla sua posizione sul mare, che la rendeva il porto dei centri dell’entroterra campano, in concorrenza con le città greche della costa. Naturalmente l’osca Pompei non poteva sottrarsi all’influenza greca, che si estendeva nel golfo di Napoli fino alla penisola sorrentina, includendo anche le isole di Capri e Ischia. L’egemonia greca sulla costa campana venne però ben presto minacciata dall’avanzare prepotente di una nuova, formidabile potenza: quella degli Etruschi, che conquistò anche Pompei, risale infatti a quel periodo il Tempio di Apollo e le Terme Stabiane. Contemporaneamente, però dovette cominciare una lenta ma inarrestabile discesa delle popolazioni sannitiche provenienti dalle zone montane conquistando nel corso del V secolo a.C. tutta la Campania, ad eccezione di Neapolis e la unificarono sotto il loro dominio. Pompei dovette subire notevoli trasformazioni urbanistiche ed architettoniche, nel compiere le quali i Sanniti non riuscirono a prescindere dall’influenza greca. Finalmente, nel II secolo a.C. col dominio di Roma sul Mediterraneo che facilitò la circolazione delle merci, la città conobbe un periodo di grande crescita a livello economico, soprattutto attraverso la produzione e l’esportazione di vino e olio. Questo stato di benessere si riflette in un notevolissimo sviluppo dell’edilizia pubblica e privata: furono realizzati in questo momento il Tempio di Giove e la Basilica nell’area del Foro, mentre a livello privato una dimora signorile come la Casa del Fauno compete per la grandezza e magnificenza. La situazione economica restò florida per molto tempo e furono creati nuovi importanti edifici pubblici, come l’Anfiteatro e l’Odeon. L’età imperiale si apre con l’ingresso a Pompei di nuove famiglie filoaugustee della quale sono un chiaro esempio l’Edificio di Eumachia e il Tempio della Fortuna Augusta.
Nel 62 d.C. un disastroso terremoto provocò gravissimi danni agli edifici della città gli anni successivi furono impiegati nell’imponente opera di ristrutturazione,ancora in atto al momento della fatale eruzione del Vesuvio del 24 agosto del 79 d.C.,quando Pompei fu seppellita completamente e definitivamente da una fitta pioggia di lapilli.

pompei2

pompei3

pompei4

pompei5

pompei6
pompei6