Tag Archives: viaggi

The mostaccioli calabresi

Soriano Calabro is a little town of Calabria, a region of South Italy. This little town is renowned for its hard biscuits known as Mostaccioli,also called mastazzola”, “mustazzoli” o “’nzudde“,of various shapes, decorated with coloured tin foil. The most common traditional shapes are fifty,known as “a parma“, “u panaru“, “a grasta“, “u cori“,”u pisci spada“,”a sirena“; that is to say: the palm,the basket,the plant, the heart, the swordfish and the siren. Reading Luigi Accattatis’ in Calabrian Dialect Vocabulary(1977); he writes: “Mustazzuòlo or mostacciolo” is a sweet brought by Arabs and it’s made with wheat flour melt into honey or “done must”; then, seasoned with spices and baked. People eat this kind of titbit during wedding ceremonies especially”. Giovan Battista Marzano’s definition-in his Etymologic Dictionary(1928) is more detailed:”mostaccioli are homemade sweets with flour,honey,done must,seasoned with spices and rhombus-,puppet-,basket- shaped,ecc. The name comes from the Latin word mustaceus or mustaceum, from mustacea, an ancient flat cake for wedding ceremonies, made by a mixture of flour, done must, fat seasoning,cacio cheese,aniseed and cooked on bay leaves”. Anyway, mostaccioli origin is still uncertain-maybe, Arabian, a legend tells about a mysterious monk, suddenly appeared and then soon vanished,who generously offered mostaccioli to Soriano poor rural people.
S.Domenico,whose sanctuary was a pilgrimage and worship destination, watched over these animated sweets and later,he became the patron saint of mastazzolari and the craftsman is called “u monacu”(the monk).
According to history, the introduction of mostaccioli is due to Dominicans monks of S.Domenico monastery(1510). They tought,upheld and improved among craftsmen the local confectionery art,which was flourishing between ‘600 and ‘700 and involving monasteries,first of all.

Image

The Northern Lights

The Northern Lights, as the name suggests, are especially related to the polar regions. They occur most frequently in a belt of radius 2500 km centered on the magnetic north pole. This so-called auroral zone extends over northern Scandinavia, Island, the southern tip of Greenland and continuing over northern Canada, Alaska and along the northern coast of Siberia. The coasts of the Norwegian counties of Troms and Finnmark lay where occurrence is greatest, making northern Norway, due to its ease of access and mild winter climate, an attractive destination for people interested in observing this atmospheric phenomenon.

The Northern Lights can be seen from regions both north and south of the auroral zone, but the likelihood decreases with distance. There is a corresponding auroral zone around the southern magnetic pole, but these ‘Southern Lights’ are largely only seen from Antarctica and the surrounding ocean. Of the populated regions in the southern hemisphere, the Southern Lights, may only be glimpsed from Tasmania and southern New Zealand. The Northern and Southern Lights occur simultaneously and are almost mirror images of each other.

Image

Image

Rotterdam, Nederlands

Image

Rotterdam bursts with energy. Vibrant nightlife, a diverse, multiethnic community, an intensely interesting maritime tradition and a wealth of top-class museums all make it a must-see part of any visit to Holland, especially if you are passing by on a high-speed train on your way to Amsterdam or the south.

The Netherlands’ ‘second city’, Rotterdam was bombed flat during WWII and spent the following decades rebuilding. You won’t find much classic Dutch medieval centre here – it was swept away along with the other rubble and detritus of war. In its place is an architectural aesthetic that’s unique in Europe, a progressive perpetual-motion approach to architecture that’s clearly a result of the city’s postwar, postmodern ‘anything goes’ philosophy. (A fine example of this is the Paul McCarthy statue titled ‘Santa with Butt Plug’, that the city placed in the main shopping district.)

Image

Image

Image

Cappadocia Turkey

Image

Cappadocia is the name of a region in the central Anatolia of Turkey.

It is not a city. It is a town as a part of a province called Nevsehir – city of Kayseri.

Cappadocia in unique in the world with its geographical formation. The origin of its name comes from the word ‘Katpadukya’ which means ‘The Town of Beautiful Horses’.
The town is formed by winds and rains that affected the geographical shapes of the city produced by volcanic eruptions.

The first habitants of the town belong to Paleolithic Age. But first written proofs belong to Hittites. Those lands where Hittites had lived once, later on has become one of the most important centers of Christianity . The houses and churches carved in caves have become a very important shelter for Christians that were escaping from the cruelty of non-believers.

Cappadocia town is a region where nature and history combine. Natural events have formed the very famous Fairy Chimneys and throughout history, people have carved houses, churches and even shelters in those chimneys. The town of Cappadocia which had harboured trade colonies throughout history, has become one the most important crossroads of the Silk Road as well.

Today, it is a touristic attraction point where many foreigners and local people visit every year.

Image

Image

Image

 

Dolceacqua

Dolceacqua, un borgo medievale ai piedi del Castello dei Doria…

Un ponte in pietra che si specchia in un’ansa del Nervia: l’immagine classica di Dolceacqua, il borgo ligure che, fra caruggi oscuri e cantine odorose, ci riporta ai secoli oscuri del dominio feudale, in un’intensa evocazione di suggestioni storiche.

Il castello, presenza arcigna e inquietante, protezione e dominio, domina con le sue severe torri quadrangolari buona parte della valle. I secoli ne hanno visto le successive distruzioni e ricostruzioni, nel vorticoso succedersi delle vicende del casato dei Doria.
Guelfi e Ghibellini, Doria e Grimaldi, Francesi e Spagnoli . Le pietre che vediamo oggi hanno resistito a decine di assedi e saccheggi, hanno visto periodi di prosperità e di decadenza ma non hanno resistito all’abbandono degli uomini.  I recenti Restuauri hanno reso accessibile la corte interna ed il cortile superiore.
Il ponte che incanto’ Claude Monet nel 1884, è un esile arco di pietra che per secoli rimase l’unico collegamento fra i due nuclei storici di Dolceacqua: la Terra, con il suo intrico di caruggi che portano al castello e il Borgo, al di qua del fiume, estensione urbana di tempi piu’ sereni.
Image

Image

dolce aqua

Azerbaijan

Neither Europe nor Asia, Azerbaijan is an incredible tangle of contradictions and contrasts. It’s a fascinating nexus of ancient historical empires. Yet it’s also a new nation finding its feet as it emerges from a war-torn post-Soviet chrysalis on a petroleum-funded gust of optimism. Surrounded by semi-desert on the oil-rich Caspian Sea, the nation’s cosmopolitan capital Baku is a dynamic boomtown, where flashy limousines and mushrooming skyscrapers sweep around a picturesque Unesco-listed ancient core. Yet barely three hours’ drive away lies an entirely different world: timeless villages clad in lush orchards from which shepherd tracks lead into the soaring high Caucasus mountains. Where Baku is multilingual and go-ahead, the provinces shuffle to the gently paced click of nard (backgammon) on tree-shaded teahouse terraces: women stay home, herds of cattle wander aimlessly across highways, and potbellied bureaucrats scratch their heads in confusion on finding that an outsider has wandered into their territory.

Visiting the country takes creativity and imagination, as the tourist industry is at best ‘nascent’. Although there are plenty of rural ‘rest-zones’ for holidaying city folk, they cater mainly for locals who want to unwind with hefty feasts and family chats, so rarely provide any activities. Very few people outside Baku speak English, but the challenge is a great part of the appeal. So where to, then? Southern Azerbaijan is one of the country’s more pleasant regions, both along the coast and inland: Lәnkәran is a quaint seaside town famed for its flowers, while Masalli & around makes a good entry point for exploring the Talysh mountains. Northern Azerbaijan is where you’ll find the Caucasus Mountains and the incredible village of Xinaliq, with its jaw-dropping views and traditional mountain culture. And for something completely different (in a country full of completely different travel experiences!), there’s always the remote and intriguing enclave of Nagorno-Karabakh.

Image

Image

Image

Scala dei Turchi, Sicilia

La Scala dei Turchi è una parete rocciosa (falesia) che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte, vicino a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. È diventata nel tempo un’attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera, di colore bianco e dalle peculiari forme, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano scritti da Andrea Camilleri, in cui tali luoghi vengono citati (vicino è l’immaginario paese del commissario, Vigata).

La Scala è costituita di marna, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa, avente un caratteristico colore bianco puro. Tale scogliera dal singolare aspetto si erge in mezzo tra due spiagge di sabbia fine, e per accedervi bisogna procedere lungo il litorale e inerpicarsi in una salita somigliante a una grande scalinata naturale di pietra calcarea. Una volta raggiunta la sommità della scogliera, il paesaggio visibile abbraccia la costa agrigentina fino a Capo Rossello, altro luogo legato alle gesta di Montalbano.

La Scala dei Turchi presenta una forma ondulata e irregolare, con linee non aspre bensì dolci e rotondeggianti. Il nome le viene dalle passate incursioni di pirateria da parte dei saraceni, genti arabe e, per convenzione, turche; i pirati turchi, infatti, trovavano riparo in questa zona meno battuta dai venti e rappresentante un più sicuro approdo.

Image

Image

Image

Capri

Image

L’isola è, a differenza delle vicine Ischia e Procida, di origine carsica. Inizialmente era unita alla Penisola Sorrentina, salvo essere successivamente sommersa in parte dal mare e separata quindi dalla terraferma, dove oggi si trova lo stretto di Bocca Piccola. Capri presenta una struttura morfologica complessa, con cime di media altezza (Monte Solaro 589 m e Monte Tiberio 334 m) e vasti altipiani interni, tra cui il principale è quello detto di “Anacapri”.
La costa è frastagliata con numerose grotte e cale che si alternano a ripide scogliere. Le grotte, nascoste sotto le scogliere, furono utilizzate in epoca romana come ninfei delle sontuose ville che vennero costruite qui durante l’Impero. La più famosa è senza dubbio la Grotta Azzurra, in cui magici effetti luminosi furono descritti da moltissimi scrittori e poeti.
Caratteristici di Capri sono i celebri i Faraglioni, tre piccoli isolotti rocciosi a poca distanza dalla riva che creano uno spettacolare effetto scenografico e paesaggistico; ad essi sono stati attribuiti anche dei nomi per distinguerli: Stella per quello attaccato alla terraferma, Faraglione di Mezzo per quello frapposto agli altri due e Faraglione di Fuori (o Scopolo) per quello più lontano dall’isola.
A Capri non sono più presenti sorgenti d’acqua potabile. L’isola conserva numerose specie animali e vegetali, alcune endemiche e rarissime, come la lucertola azzurra, che vive su uno dei tre Faraglioni. La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d’India e ginestre.
I principali centri abitati dell’isola sono Capri, Anacapri, Marina Grande mentre l’altro versante marino di Capri, Marina Piccola, risulta meno abitato e ancora più soggetto al fenomeno della speculazione edilizia che ha investito tutta l’isola dai primi anni ottanta ad oggi.

Image

Image

Image

Image

CinqueTerre

3q

Un territorio in cui mare e terra si fondono a formare un’area unica e suggestiva. Diciotto chilometri di costa rocciosa ricca di baie, spiagge e fondali profondi, sovrastata da una catena di monti che corrono paralleli al litorale. Terrazzamenti coltivati a vite e a olivo, il cui contenimento è assicurato da antichi muretti a secco.
Un patrimonio naturalistico di grande varietà. Sentieri e mulattiere dai panorami mozzafiato. Cinque borghi: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, che si affacciano sul mare. Un ambiente in cui il lavoro secolare di generazioni ha trasformato un territorio inaccessibile in un paesaggio di straordinaria bellezza. Un’Area Marina Protetta e un Parco Nazionale che ne tutelano l’assoluta unicità. Queste, in sintesi, le Cinque Terre, dichiarate dall’UNESCO fin dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

4q

6q

7q

La casa di Giulietta

verona3

La casa di Giulietta
Luogo dell´azione di Shakespeare

La casa di Giulietta con il più famoso balcone del mondo è una delle attrazioni principali di Verona. Un gran numero di persone si affaccia attraverso lo stretto portone ad arco nel cortile interno, ammira e scatta fotografie del balcone, e coppie di ogni età giurano qui eterna fedeltà, in ricordo del romanzo shakespeariano “Romeo e Giulietta”.

E tutto ciò nonostante i due protagonisti non sono mai realmente esistiti e William Shakespeare non visitò mai in vita sua Verona. Eppure Verona rimane inseparabilmente legata al destino dei due amanti. Per aver qualcosa da offrire alle numerose coppie innamorate, che vengono a Verona ogni anno, la città comprò nel 1905 l´odierna casa di Giulietta dalla famiglia Dal Capello e la dichiarò, vista la similitudine dei nomi, sede della famiglia Capuleti – nacque così un´attrazione turistica.
Sulle tracce di Romeo e Giulietta

Entrando nel cortile interno della casa di Giulietta, verrete per prima cosa sorpresi da migliaia di piccoli foglietti, che coprono le pareti dal suolo fino al soffitto. Secondo l´opinione popolare, chi scrive un giuramento d´amore insieme al suo partner, attaccandolo alla parete, sarà eternamente felice e fedele al suo partner. Anche chi tocca il seno destro della statua di Giulietta, creata da Nereo Constantini ed eretta nel piccolo cortile, sarà fortunato e potrà conquistare il cuore della persona amata.

La casa di Giulietta, però, non è soltanto luogo della celebre storia d´amore, ma ha molto altro da offrire: La casa affascina per il suo stile gotico, risalente al XIV secolo. Nelle singole stanze e sale si trovano numerosi pezzi d´esposizione, risalenti al tempo di Romeo e Giulietta e presentano al visitatore una buona immagine della vita nella Verona di allora.

verona1

verona4

verona5

verona6

 

 

 

Pompei

??????????

Pompei sorge su un altopiano di formazione vulcanica, sul versante meridionale del Vesuvio, a circa 30 metri sul livello del mare ed a breve distanza dalla foce del fiume Sarno, in una suggestiva posizione, decantata in epoca romana anche da Seneca. La mancanza di sorgenti o corsi d’acqua sull’altopiano impedì il suo popolamento nelle epoche più remote, anche se nel corso dell’ VIII secolo a. C. nella vicina valle del Sarno si erano formati alcuni insediamenti , come testimoniano numerose tombe a fossa. La popolazione che fondò Pompei era sicuramente osca, ma è dubbio se il nome stesso della città derivi dal greco o dall’osco. La fortuna della città fu sin dall’inizio legata alla sua posizione sul mare, che la rendeva il porto dei centri dell’entroterra campano, in concorrenza con le città greche della costa. Naturalmente l’osca Pompei non poteva sottrarsi all’influenza greca, che si estendeva nel golfo di Napoli fino alla penisola sorrentina, includendo anche le isole di Capri e Ischia. L’egemonia greca sulla costa campana venne però ben presto minacciata dall’avanzare prepotente di una nuova, formidabile potenza: quella degli Etruschi, che conquistò anche Pompei, risale infatti a quel periodo il Tempio di Apollo e le Terme Stabiane. Contemporaneamente, però dovette cominciare una lenta ma inarrestabile discesa delle popolazioni sannitiche provenienti dalle zone montane conquistando nel corso del V secolo a.C. tutta la Campania, ad eccezione di Neapolis e la unificarono sotto il loro dominio. Pompei dovette subire notevoli trasformazioni urbanistiche ed architettoniche, nel compiere le quali i Sanniti non riuscirono a prescindere dall’influenza greca. Finalmente, nel II secolo a.C. col dominio di Roma sul Mediterraneo che facilitò la circolazione delle merci, la città conobbe un periodo di grande crescita a livello economico, soprattutto attraverso la produzione e l’esportazione di vino e olio. Questo stato di benessere si riflette in un notevolissimo sviluppo dell’edilizia pubblica e privata: furono realizzati in questo momento il Tempio di Giove e la Basilica nell’area del Foro, mentre a livello privato una dimora signorile come la Casa del Fauno compete per la grandezza e magnificenza. La situazione economica restò florida per molto tempo e furono creati nuovi importanti edifici pubblici, come l’Anfiteatro e l’Odeon. L’età imperiale si apre con l’ingresso a Pompei di nuove famiglie filoaugustee della quale sono un chiaro esempio l’Edificio di Eumachia e il Tempio della Fortuna Augusta.
Nel 62 d.C. un disastroso terremoto provocò gravissimi danni agli edifici della città gli anni successivi furono impiegati nell’imponente opera di ristrutturazione,ancora in atto al momento della fatale eruzione del Vesuvio del 24 agosto del 79 d.C.,quando Pompei fu seppellita completamente e definitivamente da una fitta pioggia di lapilli.

pompei2

pompei3

pompei4

pompei5

pompei6
pompei6

Piazza di Spagna

SONY DSC

PIAZZA DI SPAGNA
Piazza di Spagna a Roma, con la scalinata di Trinità dei Monti, è sicuramente uno dei monumenti più celebri della capitale e dell’intera penisola, quasi un simbolo dell’italianità stessa. La scalinata di Trinità dei Monti si rivela poi una meravigliosa passerella per le sfilate di moda che qui si svolgono frequentemente. Uno degli eventi più celebri in questo senso è Donna sotto le stelle, manifestazione di moda e di spettacolo che coinvolge stilisti di fama internazionale e personaggi famosi del cinema e della televisione.

IMG_7800

Piazza_di_Spagna_Desktop

R4

Alberobello in Puglia

Alberobello ( in dialetto Iarubedd ) è un Comune della collina murgiana della Regione Puglia in provincia di Bari, di circa 10.000 abitanti, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996; sorge nella Valle d’Itria e si trova in posizione equidistante tra il Mar Adriatico e il Mar Ionio. Sul colle orientale vi è la città nuova con caratteristiche architettoniche moderne, sull’altra sommità, disposta ad occidente, s’allineano i “Trulli” in un agglomerato urbano suddiviso in due Rioni: “Monti” e “Aia Piccola”, entrambi monumento nazionale.

click for full size
click for full size

I “Trulli” sono un esempio architettonico di valore universale, in quanto costituiscono una testimonianza unica, o quantomeno eccezionale, di una civiltà o una tradizione culturale scomparsa e offrono un esempio di un tipo di costruzione o di complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia umana.

click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size
click for full size

Positano

positano1

Varie sono le leggende su Positano, diverse le sue possibili origini, da Poseidone, dio del mare secondo i greci, che l’avrebbe fondata per la sua amata, Pasitea, ai Fenici o i Picentini.

Passata dalle mani dei Romani a quelle della Repubblica di Amalfi, Positano attraversò un periodo fiorente per i numerosi traffici marittimi con tutti i paesi mediterranei.

In seguito, gli Angioini e gli Aragonesi portarono la cittadina ad un periodo di saccheggiamenti e incursioni di pirati, infatti le torri di guardia costruite per difendersi, sono ancora ben visibili nelle contrade di Fornillo, Trasita e Sponda.

Di qui, Positano attraversò periodo alti e bassi, ma i commerci marittimi continuavano e fu proprio tra il XVI e il XVII secolo che le navi positanesi iniziarono a commerciare con l’oriente spezie, sete e varie merci preziose.

Certo è che solo dal dopoguerra in poi la città ha avuto la sua ascesa… politici, artisti, letterati e scrittori venivano a Positano attratti dalle sue mille bellezze, dai panorami, dalle sue caratteristiche case e dalla vita rilassante e tranquilla vita che vi si svolgeva.

positano-italy

positano_cook

Positano-Italy hj

positano-italy n

Il Carnevale di Venezia

ll Carnevale di Venezia  è tra i più famosi di tutto il mondo ed è un appuntamento internazionale la cui importanza si rinnova di anno in anno attraverso la partecipazione di migliaia di persone che, spinte dal desiderio di socializzare, invadono calli e campielli, in una dimensione fantastica che solo Venezia può offrire. A differenza degli altri carnevali, quello di Venezia è un grande happening che coinvolge l’intera città, e proprio da questo e dalla sua storia, partono numerose iniziative che offrono, con il divertimento e la “follia”, spettacoli, giochi e feste, insomma un’occasione unica di incontro fra persone di tutto il mondo.

Vivere il Carnevale di Venezia significa quindi partecipare alla “Festa” ed a i suoi riti: dai più antichi, quali il celebre  Il volo della colombina, ai più recenti, quali la “Festa del Gentil Foresto”. In piazza San Marco vi saranno, naturalmente, numerose occasioni per celebrare il Carnevale con balli, sfilate di maschere e il celebre teatro della “Commèdia dell’Arte”.

Tutta  la città intera sarà in festa: quattro percorsi, animati da artisti provenienti da tutto il mondo,  permetteranno ai visitatori di attraversare tutta la città in un clima di magia e partecipare così al Grande Gioco del Carnevale nella speranza di vincere il ricco primo premio, sempre divertendosi. Oltre agli spettacoli in piazza San Marco, il Carnevale di Venezia è celebre per i suoi concerti nelle chiese e per gli spettacoli teatrali della grande tradizione veneziana, e soprattutto per le magnifiche feste che si svolgono nell’ambientazione unica degli antichi palazzi veneziani.

Image

Image

Image

Image